Debora Carangelo fa 300: si conferma la prima reyerina con più presenze in squadra

Il traguardo in occasione del derby di San Martino di Lupari, in cui l’Umana Reyer ha conquistato la sesta vittoria su sei partite in campionato

In occasione del derby di San Martino di Lupari, in cui l’Umana Reyer ha conquistato la sesta vittoria su sei partite in campionato, Debora Carangelo ha festeggiato le 300 presenze con la maglia orogranata. Carangelo aveva già conquistato il record di reyerina con più partite giocate nella storia della nostra società e ha così commentato questa “milestone” ai nostri microfoni.

Le sue parole

«Sono molto felice per queste 300 presenze e ringrazio la società per la fiducia che ha sempre riposto in me. Nel momento in cui ho visto la foto con scritto 300 ho ripensato al primo anno che sono venuta qui. Ero giovane ed è stato un percorso di crescita sia a livello di maturità che di gioco. Ho fatto tanta esperienza e sono fiera di quello gel che ho vissuto qui in Reyer con questa maglia: tante emozioni, sofferenze, perché nei primi anni ho anche avuto degli infortuni. Però mi sono sempre rialzata anche grazie allo staff medico, che non smetterò mai di ringraziare, così come il preparatore atletico e i fisioterapisti. È un’emozione unica, essere la prima reyerina con tante presenze. Spero ce ne saranno tante altre, però sono fiera del percorso che ho fatto e che sto facendo da 9 anni a questa parte. Quest’anno, più degli altri, sto sentendo di mettere in pratica tutto quello che ho imparato negli anni scorsi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento