menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Semifinali scudetto: EA7 troppo forte, Venezia si riprende nel finale: serie in parità

Sul campo di casa, l'Emporio Armani sfodera una grande prestazione, surclassando, a tratti, i rivali. Nella ripresa buona reazione di Venezia, che fa ben sperare per gara3

L’Umana Reyer non riesce a ripetere la prestazione di gara1 e la serie di semifinale contro Milano si trasferisce al Taliercio sull’1-1. Per la squadra di coach De Raffaele, comunque, fa ben sperare la reazione arrivata nel secondo tempo, quando è riuscita a riaprire il match partendo da -25.

Che le cose siano decisamente cambiate, rispetto a gara1, si vede fin dalle prime battute: Milano parte 6-0 e Bramos trova il primo canestro dell’Umana Reyer dopo 2′. Il problema, in casa orogranata, è che l’EA7, con una difesa forte, riesce a bloccare tutte le fonti offensive veneziane, visto che, se si esclude un tiro libero di Green, per il tecnico subito da Repesa a metà quarto, nei primi 10′ a segnare è il solo Bramos. Milano, così, riesce a toccare la doppia cifra di vantaggio proprio con l’ultimo possesso del periodo.

L’inerzia non cambia nemmeno nel secondo quarto, visto che, prima di quattro punti in rapida successione di Ortner e Bramos (al 12′, con Repesa che chiama subito time out), Milano tocca i 17 punti di vantaggio (29-12). Un fallo più antisportivo di Sanders portano il protagonista milanese di gara1 a spendere già 4 infrazioni al 14’30” e l’Umana Reyer prova ad approfittarne, con la tripla di Jackson a metà periodo per il -10 (31-21). Gli orogranata non riescono però mai a scendere sotto la doppia cifra di ritardo. Anzi, negli ultimi 4′ arriva un parziale di 14-2 per l’EA7, che punisce decisamente, sia dall’area che dall’arco, una difesa veneziana incapace di contenere le penetrazioni e gli scarichi dei padroni di casa. Ed è ancora Simon allo scadere, stavolta con una tripla, a scrivere il nuovo massimo vantaggio milanese: +22 (47-25).

Le cose si complicano nei primi 3′ del secondo tempo, quando Milano prosegue l’inerzia con grande reattività ed allunga fino al 55-30. Finalmente, però, arriva la prima scossa orogranata: 0-9 e 55-39 al 25’30”. Con un super-Tonut, il break si prolunga anche dopo il libero messo a segno da Batista fino al 58-47 del 27’30” (tripla di Viggiano) e poi addirittura con l’Umana Reyer che scende sotto la doppia cifra di ritardo (62-53 al 29’30” grazie alla tripla di Jackson). La partita prosegue all’insegna dell’equilibrio in avvio di ultimo periodo, con il 71-60 di Ejim al 34′ che rimane sul tabellone per oltre 3′. A chiudere i conti, a questo punto, è il 6-0 firmato da Lafayette, Batista e Simon, con Pargo che chiude sul 78-65 in garbage time.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento