Unione, Essoussi torna a disposizione dopo la squalifica per lo "spinello"

L'attaccante ha scontato i due mesi di squalifica per essere stato trovato positivo al Tetraidrocannabinolo dopo la partita con il Pordenone

Confermata la squalifica di due mesi a decorrere dalla sospensione cautelare (11 novembre 2011), per Adnane Essoussi da parte dell'ufficio di procura antidoping del Coni. L'attaccante sarà quindi a disposizione di mister Sassarini a partire da domenica 15 gennaio nella gara fuori casa con la Sanvitese. L'atleta era stato deferito per il riconoscimento della sua responsabilità in merito alla positività per Tetraidrocannabinolo riscontrata nei controlli antidoping dopo la partita contro il Pordenone del 23 ottobre scorso. Si era fumato uno spinello. Scontati i due mesi di squalifica, ora Essoussi puà tornare a disposizione della squadra.

CHI VA E CHI VIENE - Ieri invece il difensore Roberto Mirri ha effettuato la risonanza magnetica per verificare l'entità dell'infortunio occorso domenica scorsa nella partita casalinga contro la Sacilese. L'esame ha evidenziato una lesione di primo grado del collaterale esterno del ginocchio sinistro e una fissurazione della capsula posteriore. Il tempo di recupero previsto è di 45 giorni.

TEST CONTRO IL LIDO - Giovedì 12 gennaio, alle 15, al Centro Taliercio si terrà una partita amichevole tra F.B.C. Unione Venezia e l'A.S.D. Calcio Lido di Venezia, che milita nel campionato regionale di seconda categoria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Carte false per mantenere in famiglia la licenza di taxi acqueo: denunciati padre e figlia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento