menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Franco Gomme se la deve vedere con l'ennesimo "gigante"

La trasferta di domani contro il Montesilvano sembrerebbe proibitiva, ma l'allenatore Luigi Pagana ci crede: "Ora non ci basta metterci l'impegno, dobbiamo tirare fuori le unghie"

Da una big all’altra, dalla Luparense prima della classe al Città di Montesilvano campione d’Europa (uscente). L’avvio del girone di ritorno della serie A non risparmia difficoltà al Franco Gomme Venezia. La classifica degli arancioneroverdi (penultimi) non è cambiata granché dopo l’onorevole 2-5 casalingo con la Luparense capolista, visto che alle spalle l’Augusta continua a distare due punti, così come i playout rimangono tuttora a 4 lunghezze più su.

 

Ovviamente la trasferta di domani – venerdì 13 gennaio – in terra pescarese al palasport “Corrado Roma” di Montesilvano (fischio d’inizio alle ore 18) si presenta a dir poco in salita, ma Ercolessi e compagni devono fare di tutto per complicare la vita a un avversario reduce da 8 risultati utili consecutivi. Canonica rientra dalla squalifica, Chimanguinho invece sconterà il secondo turno di stop: anche Almir Rossa ha alzato bandiera bianca e sarà indisponibile per la terza gara di fila. Domani al Palaroma dirigeranno Gallo di Torre Annunziata e Delpiano di Cagliari (crono Di Resta di Roma 2).

QUI PAGANA – “Mi aspetto una prestazione di sostanza, propedeutica alla fondamentale gara del turno successivo in casa contro l’Augusta – afferma il tecnico lagunare –. Sabato scorso “dovevamo” perdere e abbiamo perso pur avendo giocato con impegno al cospetto della capolista. A noi però l’impegno non basta più, dobbiamo tirare fuori le unghie e non mancare nei momenti cruciali. Per fare punti serve altro”. In effetti il Venezia, più che per il 2-5 con la Luparense (incassato dopo aver sfiorato il 2-2 e non senza aver impegnato Weber), ha lasciato a dir poco perplesso nel ko per 6-1 di Putignano. “In Puglia in un brutto primo tempo avevamo comunque avuto le nostre palle-gol, nella ripresa invece siamo stati castigati pesantemente da due espulsioni proprio quando stavamo per dare tutto pur di rientrare in partita. Il secondo giallo per simulazione a Canonica è quantomeno da rivedere, io ho fatto una normale domanda agli arbitri e sono stato cacciato, Chimanguinho ha gridato “fischia” e ha preso il rosso. Decisioni che ci hanno fatto male, soprattutto perché ad altri è concesso di mandare platealmente a quel paese gli arbitri e di restare impuniti. Lasciamo perdere, pensiamo a vendere cara la pelle nella tana dei campioni d’Europa uscenti”.

QUI MONTESILVANO – Sta proprio nel numero uno il primo punto di forza del Montesilvano. L’abruzzese Stefano Mammarella, infatti, è ufficialmente il miglior portiere del mondo di calcio a 5: il prestigioso riconoscimento è stato reso a inizio settimana nell’ambito dei Futsal Awards 2011, gli “oscar” del pentacalcio, assegnati dal portale Futsalplanet.com. Il capitano biancazzurro, titolare anche in Nazionale, ha sbaragliato la concorrenza, superando gli spagnoli Cristian (Barcelona Alusport) e Juanjo (Inter Movistar), il libanese Rabie Jamil El Kakhi (Al Sadaka) e il russo Gustavo Lobo Paradeda (Sibiryak). Per gli Umbro Futsal Awards 2011, restano ancora in lizza la squadra del Montesilvano che ha ricevuto una nomination nella categoria “Best Club” l’ex tecnico Fulvio Colini (oggi al Kaos Bologna) l’ex capitano Marcio Forte, da poco passato alla Lazio e in corsa per il “Best Player”. Domani contro il Franco Gomme il tecnico Antonio Ricci non potrà schierare il cecchino Borruto, infortunato di lungo corso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I volontari si prendono cura del forte Tron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento