menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento del match (foto: reyer.it)

Un momento del match (foto: reyer.it)

La Reyer sfiora l'impresa: colpo di coda della Grissin Bon dopo un tempo supplementare

In una partita frizzante ed emozionante Reggio Emilia riesce a vincere per un soffio con il risultato di 98-96: orogranata domi solo nel finale

Una splendida Umana Reyer sfiora l’impresa all’ancora inviolato Pala Bigi di Reggio Emilia, ma si arrende solo al supplementare alla capolista Grissin Bon.

Le due squadre iniziano appoggiando il gioco soprattutto nel pitturato: Golubovic sfrutta la fisicità per il 2-0 reggiano, Owens fa vedere l’atletismo nel gioco a due con Green che vale il 2-2. L’approccio migliore è comunque degli orogranata, che volano sul 2-9 dopo 2’30” grazie al gioco da tre punti di Bramos, il canestro di Green e altri due punti di Owens (a seguire una gran stoppata di Ress su Golubovic), che però spende subito dopo il secondo fallo in appena 3′, costringendo De Raffaele al cambio con Savovic. E l’Umana Reyer subisce il contraccolpo, con Reggio che rimonta punto su punto, sfruttando i nove falli fischiati alla difesa veneziana. La Grissin Bon, così, impatta a quota 13 al 6’20” e poi rimette il naso avanti sul 20-18 con De Nicolao a 12” dall’intervallo breve.

Il secondo quarto si apre con il canestro di Kaukenas del 22-18, che trova risposta nella tripla aperta di Green in controtransizione, che apre una sorta di gara del tiro da tre punti, a cui si iscrivono in rapida successione anche Silins e Viggiano da otto metri. E’ il momento migliore dell’Umana Reyer che, con un’ottima distribuzione delle soluzioni offensive, il 66% da 2 e un leggero predominio anche a rimbalzo (15-12) vola fino alla doppia cifra di vantaggio: 27-37 al 15’33”, con un’altra bomba da distanza siderale, questa volta di Bramos. Ma è ancora con il tiro pesante che Reggio Emilia rientra completamente in partita: Kaukenas tocca la doppia cifra infilando dall’angolo allo scadere dei 24”, poi si scatena l’ex Aradori, con un incredibile 4/4 oltre l’arco in meno di 2′ che vale il 42-41 al 18’35”. A riportare avanti gli orogranata è l’azione in cui Savovic provoca il terzo fallo di Polonara, che poi protesta e rimedia il tecnico della quarta infrazione personale: 1/2 per Savovic dalla lunetta, 1/1 per Green ed è 42-43 all’inizio dell’ultimo minuto, nel corso del quale Viggiano viene punito con il fallo sul tiro da tre del solito Aradori (2/3 per lui dalla lunetta, per un totale di 19 punti all’intervallo lungo), il bell’assist dell’ex orogranata per la schiacciata di Golubovic e l’accelerazione finale di Green (12 punti e 4 assist nei primi 20′) che manda le due squadre negli spogliatoi sul 46-45.

A ripresentarsi al meglio, al ritorno sul parquet, è l’Umana Reyer che, dopo le storie tese tra Green e Aradori (secondo fallo di entrambi nel primo minuto di gioco), è la prima a muove il punteggio con Goss che risponde presente dopo un primo tempo da soli due punti: due bombe e un canestro da due, intervallate da un bel canestro di Bramos dopo rimbalzo offensivo, scrivono un parziale di 10-0 per gli orogranata in 1’17” per il 46-55 al 12’15”. La partita si fa più fisica, anche se gli arbitri lasciano correre alcuni contatti dubbi, con Reggio Emilia che ne approfitta: Aradori trova i primi due punti del quarto per la Grissin Bon al 23′, anche se è Kaukenas a firmare il break reggiano per il 53-55 al 24’34”. E, al 27’42”, la schiacciata di Veremeenko vale il sorpasso sul 58-57, con De Nicolao che allunga con la tripla del 61-57. Nell’ultimo minuto, un bell’appoggio di Viggiano su assist di Ortner e la tripla di Green a 2” dall’ultima pausa, intervallate dall’1/2 dalla lunetta di Polonara determinano la parità a 10′ dalla fine.

Polonara e Veremeenko ridanno il +4 (66-62) nel primo minuto dell’ultimo quarto, con Green che torna a muovere il punteggio dell’Umana Reyer con una bomba al 32’17”, dopo il quarto fallo di Owens e Aradori. Polonara si dimostra in gran forma, ma è Viggiano, dall’angolo, a trovare i tre punti della parità a quota 70 al 33′. Per quattro minuti, gli attacchi hanno la meglio sulle difese, con la partita che va avanti tra sorpassi e controsorpassi, fino al canestro ancora di Polonara dell’82-79 al 37’50” che spinge coach De Raffaele a chiamare time out. Interruzione da cui gli orogranata escono con il piglio giusto, visto che il quintetto piccolo porta a costruire un buon tiro da tre per Viggiano: nonostante l’errore, Ress recupera il rimbalzo offensivo ed è Green a siglare l’82-82 a 1’41” dalla sirena. Il dubbio quinto fallo di Viggiano concede due tiri liberi a De Nicolao, che non fallisce a -1’16”, con la penetrazione di Goss che ridà la parità a -1’03”. Negli ultimi possessi, sono poi le difese ad avere la meglio (bel recupero di Jackson, stoppata di Veremeenko su Green), con l’errore da tre di Kaukenas sulla sirena che vale il supplementare.

Overtime che si apre col canestro di Jackson per l’84-86, con De Nicolao che fa 1/2 dalla lunetta, Kaukenas che sigla l’87-86, seguito dal contropiede di Jackson per l’87-88 e il nuovo 50% dalla linea della carità, questa volta di Della Valle (sul quinto fallo di Owens), per l’ennesima parità a metà supplementare. Green e Veremeenko fanno il loro dovere dalla lunetta, poi Goss sbaglia in penetrazione, così come Della Valle, anche se Veremeenko prende il rimbalzo offensivo, riaprendo per Kaukenas, che infila a -1’03” la bomba del 93-90, così come non riesce a fare subito dopo Green. Ress spende subito fallo su Polonara, che però fa 1/2 dalla lunetta a -47” per il 94-90. La bomba di Goss, a – 31”, ridà speranza, anche se è un nuovo rimbalzo offensivo di Veremeenko sull’errore di Aradori è la giocata decisiva. Perché il centro bielorusso fa 2/2 a 9” dalla fine, Goss sbaglia dopo il time out il tentativo da 3, con Aradori che è preciso dalla lunetta per il 98-93, con la bomba finale di Goss che salva solo la differenza canestri nel confronto diretto.

GRISSIN BON REGGIO EMILIA-UMANA REYER VENEZIA 98-96

Parziali: 20-18; 46-45; 62-62; 84-84

Grissin Bon: Aradori 25, Bonacini ne, Polonara 12, Della Valle 5, De Nicolao 8, Srautins, Veremeenko10, Kaukenas 24, Silins 8, Golubovic 6. All. Menetti
Umana Reyer: Goss 21, Bramos 12, Tonut, Jackson 8, Ndoye ne, Green 28, Ruzzier 2, Owens 8, Ress, Ortner 6, Viggiano 10, Savovic 1. All. De Raffaele.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento