menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Grande prova di forza della Reyer, vince in casa di Brindisi

Con il risultato finale di 77-89 gli orogranata espugnano il parquet dell'Happy Casa

Prova di grandissima solidità dell’Umana Reyer, che va a espugnare il parquet della seconda forza di campionato, l’Happy Casa Brindisi, che deve arrendersi 77-89.

Primo tempo

Con Fotu e Mazzola fuori per infortunio, c’è l’esordio tra i dodici di Clark, preferito a Chappell. Lo starting five vede però in campo De Nicolao, Tonut, Bramos, Stone e Watt. Si inizia con una serie di canestri da 3 (6-3 all’1’30”), con Bramos che poi segna anche da 2, aprendo il break completato da cinque di Tonut per il 6-10 al 3’30”. L’Umana Reyer alza il livello difensivo e tocca il +5 con De Nicolao e Watt al 4’30” (9-14). Harrison e Thompson provano a ricucire, ma ancora Bramos da 3 e Vidmar (sul primo assist orogranata di Clark) aggiornano il massimo vantaggio sul +6: 13-19 al 7’30” con time out brindisino. Sono due triple di Daye a scavare ulteriormente per gli orogranata: 14-22 all’8’30”, 16-25 al 9′. Il finale di tempo è però dei padroni di casa: rimasta a galla con i tiri liberi, l’Happy Casa va al primo intervallo breve sul 21-25. Il break di Brindisi continua anche in avvio di secondo periodo, fino all’11-0 che porta al sorpasso sul 27-25 all’11’30”. Watt interrompe la striscia della squadra di Vitucci con i primi due liberi della partita orogranata (27-27 al 12′), ma l’inerzia resta pugliese, perché l’Happy Casa ha alzato l’intensità difensiva, anche se si segna poco così Tonut, in contropiede, può nuovamente impattare, a quota 29, al 14′, pur fallendo poi i liberi del sorpasso. Brindisi arriva avanti a metà periodo (31-29) e spende il bonus, anche se ci vuole una doppia giocata di Bramos (sfondamento subito e tripla) per il 31-32 al 16′. Il match si fa nervoso, con Tonut che sbaglia anche i liberi per il tecnico a Vitucci, così l’Umana Reyer, con soli 7 punti segnati in 10′ e 9 palle perse, è costretta al time out sul 36-32 al 17’30”. Ma si continua a segnare con il contagocce: nel finale, gli orogranata tornano a muovere il punteggio dopo 3’30” e il 36-34 determinato dalla schiacciata di Watt sarà il punteggio al rientro negli spogliatoi.

Secondo tempo

Nonostante si riparta dal canestro di Harrison del 38-34, l’Umana Reyer apre il secondo tempo con la risposta di Bramos (da 3), Tonut e De Nicolao (a rimbalzo offensivo) per il 38-41 al 22′. Harrison pareggia al 22’30” con una tripla di tabella da 9 metri, ma gli risponde subito il solito Bramos (41-44 al 23′) e, dal 44-44 al 24′, arriva lo strappo con le triple di Bramos (6/8 dall’arco e 20 punti) e De Nicolao e il canestro di nuovo di De Nicolao per il time out brindisino sul 44-52 al 25’30”. Le squadre continuano a rispondersi dall’arco: Thompson, poi De Nicolao e Stone (su un contropiede innescato da una stoppata di Watt) per il 47-58 al 26’30”. Il massimo vantaggio orogranata viene aggiornato prima dai cinque di Tonut (51-63 al 39′, con la 13^ tripla di squadra su 26 tentativi) e poi dai quattro di Clark (51-67 a 2” dall’intervallo), anche se, dalla difesa, Harrison inventa sulla sirena la tripla del 54-67. L’ex Clark è grande protagonista anche in avvio di ultimo periodo: tripla (con gioco da 4 non completato dalla lunetta) per cominciare, poi 56-72 al 31’30” e di nuovo da 3 per il nuovo massimo margine, sul 58-75, al 32’30”. Ma, sempre con gli ex (Visconti e Krubally), Brindisi non molla ed al 23′ è 63-75, che diventa 64-75 dopo il time out veneziano con il libero supplementare del centro. La sfida si sposta sotto le plance, con Krubally su un lato e Watt sull’altro coinvolti dagli attacchi nel 66-78 a metà quarto. De Nicolao allunga con la tripla del 66-81 al 35’30”, poi di nuovo botta e risposta Krubally-Watt (68-83 al 36’), così come si rispondono Harrison e Clark nel 70-85 al 36’30”. L’Happy Casa si affida ai liberi di Harrison (73-85 al 37’30”) ed entra negli ultimi 2’ sul -10 (75-85) con Udom, ma Watt chiude i giochi con i due canestri del 75-89, che diventa 77-89 con i due liberi finali di Thompson.

Parziali: 21-25; 36-34; 54-67

Happy Casa: Krubally 9, Zanelli, Harrison 23, Visconti 3, Gaspardo 2, Thompson 17, Cattapan ne, Guido ne, Udom 8, Bell 3, Perkins 9, Willis 3. All. Vitucci.

Umana Reyer: Casarin, Stone 3, Bramos 20, Tonut 14, Daye 6, De Nicolao 15, Campogrande, Vidmar 2, Clark 14, D’Ercole ne, Cerella, Watt 15. All. De Raffaele.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento