menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ivan Zoroski

Ivan Zoroski

Ivan Zoroski alla Reyer Venezia: ecco il nuovo play maker al posto di Meini

Il piccolo serbo la scorsa stagione a Montegranaro va a rinforzare la squadra allenata da Andrea Mazzon. Da settimane si aspettava l'ufficialità. Ora il mercato della squadra venezia è chiuso?

Dopo settimane di calma piatta la dirigenza dell'Umana Reyer si è messa in moto. Evidentemente serviva mettere in ordine alcune tessere del mosaico prima di ufficializzare gli acquisti che si aspettavano ormai da un mese. La "tessera principale" era il rinnovo dell'allenatore Andrea Mazzon, dopodiché la società ha perfezionato gli acquisti.

Dopo Yakhouba Diawara, il cui ingaggio è stato ufficializzato sabato scorso, ora è il turno di Ivan Zoroski, play-guardia di nazionalità serba già "in odore" della casacca orogranata da diverso tempo. Prenderà il posto nel roster di Guido Meini, che dopo quattro anni in laguna è stato lasciato libero dalla società, per il dispiacere dell'atleta e di molti tifosi che in queste ore stanno tributando tutti gli onori al giocatore toscano, uno degli artefici della resurrezione del grande basket a Venezia.

Un bel regalo di compleanno per Zoroski, che proprio oggi compie 33 anni: “Non ci ho pensato molto ad accettare questa proposta perché l’Umana Reyer è una società ambiziosa, che ha grande organizzazione, un grande presidente e un ottimo staff tecnico – il commento del giocatore - Sono stato per tanto lusingato da questa chiamata e sono felice di far parte ora di questa società. Una società della quale conosco il presente e anche il passato perché qui a Belgrado ho parlato a lungo con Drazen Dalipagic che so essere una leggenda della Reyer, oltre che consulente della società. Lui mi ha raccontato molte cose su questa società e su Venezia, che è sicuramente una delle città più belle al mondo e sarà un onore rappresentarne i colori. Per quello che ho visto l’anno scorso, quando ci ho giocato contro, mi ha impressionato molto l’attaccamento del pubblico a questa squadra: nonostante si giocasse a Treviso il palasport era pieno e so che il previsto ritorno a Mestre è vissuto con grande attesa da parte di tutta la città. Cosa potrò dare a questa squadra? Qualsiasi cosa mi chiederà il coach per il bene dell’alchimia del gruppo. In questi due ultimi anni in Italia sono cresciuto come giocatore facendo ciò di cui c’era maggiormente bisogno a seconda delle situazioni. Anche per questo reputo il campionato italiano stimolante, competitivo e perfetto per me”.

Reduce dagli ultimi due campionati nella serie A con Montegranaro e Teramo, in precedenza ha giocato in Grecia con Olympiacos e Panionios, in Spagna a Valladolid, in Russia alla Dinamo Mosca, in Belgio a Charleroi oltre che in Serbia con l’FMP Zeleznik Belgrado, la squadra dove è cresciuto e con la quale ha vinto Coppa Nazionale e Lega Adriatica. Ha giocato inoltre in tutte le principali competizioni europee per club: Eurolega, Coppa Korac, Coppa Saporta, Uleb Cup e Europe Cup. Con la Nazionale ha vinto inoltre nel 2001 l’oro alle Universiadi.

In queste due stagioni nella serie A italiana le sue medie sono state di 15 punti in 28,8 minuti giocati nel campionato scorso e di 16 punti in 33,6 minuti in quello precedente in cui è risultato anche terzo marcatore del campionato. Il suo record di carriera per punti segnati in Italia risale al 6 novembre 2010 quando ha realizzato 31 punti contro Cantù.

 

I COLPI DEL MERCATO REYER

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento