Longhin sfiora, per tre decimi, il podio a Modena

Un battito di ciglia ha relegato il pilota di Cavarzere al quarto posto, in classe A7, al culmine di una spettacolare rimonta, vissuta assieme al rodigino Barison.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Sarà l'aria che si respira a Maranello, sarà il profumo dei motori che si vive ad ogni angolo tappezzato di insegne del cavallino rampante ma l'edizione del quarantennale del Rally Città di Modena, andato in scena nel recente weekend, ha visto protagonista un Luca Longhin in palla, autore di una quarta posizione di classe A7 che, per soli tre decimi, non si è trasformata nel gradino più basso del podio. Il pilota di Cavarzere, alla guida dell'intramontabile Renault Clio Williams gruppo A con i colori New Star 3, è stato brillante protagonista tra le duemila preparate, derivate dalla serie, con al proprio fianco il rodigino Michele Barison, nella due giorni emiliana.

Una prima prova di assaggio, la “Montegibbio”, e già sulla successiva “Castelvetro” Longhin staccava un buon quarto tempo, risalendo al quinto nella provvisoria di classe. Al calare della notte il passo del portacolori del sodalizio scaligero si attestava attorno alla quinta piazza, non trovandosi a proprio agio alla luce delle fanalerie supplementari. “Il primo giorno di gara siamo stati un po' contratti” – racconta Longhin – “perchè dovevamo prendere un po' confidenza con un fondo, veloce ed abbastanza sconnesso, al quale non eravamo abituati. Nella frazione notturna siamo stati un po' penalizzati, perdendo diversi secondi dalla concorrenza, ma sapevamo che quello non era il nostro passo abituale.”

Detto, fatto ed in apertura di Domenica, sulla lunga “Barighelli”, Longhin staccava il terzo miglior tempo di classe, rilanciando la propria rincorsa alle posizioni di vertice. A “Valle”, prova simbolo per il Rally Città di Modena, il pilota di Cavarzere usciva con il secondo parziale, incassando un ritardo di soli 2”9 da Lusoli, e risaliva prepotentemente al quarto posto. Giunti all'ultima service area la classifica di A7 vedeva Longhin ai piedi del podio con un gap di 4”5 da Cocco, terzo, e 14”2 da Fontani, secondo. Si ritornava sulla “Barighelli” ed il veneziano era nuovamente terzo, rosicchiando ulteriormente il risicato margine di vantaggio a disposizione di Cocco, lontano solamente 2”4.

Deciso a gettare il cuore oltre l'ostacolo Longhin si infilava il coltello tra i denti e partiva, a testa bassa, sull'ultimo passaggio di “Valle” ma, purtroppo, non basterà. La francesina da rally griffata New Star 3 staccava il miglior tempo di classe, rifilando due decimi a Lusoli e 2”1 a Cocco, mancando però l'aggancio al podio, di classe A7, per un soffio. “È stata, sin qui, la gara più emozionante di tutta la stagione” – aggiunge Longhin – “perchè, dopo una prima giornata, quella del Sabato, dove siamo stati un po' abbottonati ci siamo poi espressi su buoni livelli alla Domenica. Abbiamo recuperato quasi tutto lo svantaggio che avevamo accumulato durante la prima frazione. Peccato non aver raggiunto il podio, perso per soli tre decimi. Nonostante l'amarezza, per il mancato podio, siamo comunque contenti perchè, su strade mai viste, ci siamo comportati bene. Grazie a New Star 3, impeccabili come sempre.”

Torna su
VeneziaToday è in caricamento