menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Reyer non si ferma più in Europa: vince a Lubiana e mantiene la testa del girone

Martedì sera gli orogranata hanno espugnato il fortino sloveno per 76 a 66, cancellando la sconfitta con Torino in campionato. In Champions continua a guardare tutti dall'alto in basso

Con un’altra prestazione in crescendo, l’Umana Reyer coglie la seconda vittoria su due trasferte di Basketball Champions League e con il 66-76 a Lubiana mantiene la vetta del girone.

Primo quarto

L’inedito quintetto iniziale orogranata vede in campo Haynes, Johnson, Cerella, Peric e Biligha. Il match si apre con cinque punti di Kastrati e due di Oliver (7-0 dopo 1’30”), mentre gli orogranata si sbloccano con una tripla di Haynes. Nonostante i rimbalzi offensivi (alla fine del quarto saranno già 5), l’Umana Reyer paga le basse percentuali al tiro, con i padroni di casa che allungano fino a +8 (11-3 al 3’). Orelik prende il posto di Peric e si presenta con la tripla del 13-8 al 5’30”, anche se subito dopo arriva il secondo fallo di Biligha. Gli orogranata continuano a tirare male e Lubiana ne approfitta per arrivare al +12 (22-10) al 9’, con il gioco da tre punti di De Nicolao che chiude i primi 10’ sul 22-13.

Secondo quarto 

L’Umana Reyer alza l’intensità difensiva in avvio di secondo quarto, con l’Olimpija che chiama time out sul 24-18 al 13’, dopo la schiacciata di Jenkins innescato da un recupero di De Nicolao. In una fase in cui si segna poco, Watt spende in rapida successione secondo e terzo fallo a cavallo di metà periodo, con Peric che spende subito dopo il bonus di squadra, ma i padroni di casa fanno 1/6 dalla lunetta (4/11 a fine primo tempo) e così gli orogranata, che tirano col 25% dal campo (30% a fine primo tempo), non pagano dazio. Anzi, dal 29-20 del 16’, un ispirato Bramos trascina l’Umana Reyer, che torna ad un solo possesso di ritardo con Peric al 17’ (29-26). Hrovat e Oliver (che subisce antisportivo da Johnson) ritrovano la doppia cifra di vantaggio per Lubiana (36-26) all’ultimo minuto, quando però una tripla e due liberi di capitan Ress mandano le squadre all’intervallo lungo sul 36-31.

Terzo quarto 

Al rientro sul parquet, l’Umana Reyer si presenta decisamente più reattiva: dopo un canestro di Watt, un gioco da tre punti di Orelik vale la parità a quota 36 al 21’30” e un canestro di Bramos il sorpasso (36-38) al 22’. Morgan sblocca Lubiana al 23’, ma risponde Johnson con due triple e la schiacciata di Watt vale il 40-46 al 24’30” (anche se subito dopo il centro spende in attacco il quarto fallo, così come Peric al 26’). Il punteggio rimane a lungo sul 42-46 (anche Johnson fa fallo in attacco, mentre Lubiana perde un paio di palloni), fino al canestro di De Nicolao del 42-48 al 27’30”. L’Olimpija è praticamente solo Morgan, ma si riavvicina sul 46-48 al 28’30”, con il time out veneziano, dal quale l’Umana Reyer esce nel migliore dei modi, con il fallo su tiro da tre subito da De Nicolao (2/3 dalla lunetta) e il canestro di Haynes, a cui risponde Oliver per il 48-52 all’ultima pausa.

Ultimo quarto 

Lubiana si riavvicina ad un solo possesso con Hrovat e gli risponde Orelik da 3 (50-55 al 31’30”). Morgan trova canestro e fallo di Biligha, che poi arriva anche alla quarta infrazione dopo i due punti di Bramos: entra Ress e due sue triple riaggiornano per due volte il massimo margine orogranata, con Lubiana che chiama time out sul 57-65 al 33’30”, ma l’inerzia non cambia: tripla di Orelik e 57-68. Il lituano concede un gioco da tre punti a Badzim, ma il punteggio si inchioda sul 60-68 per quasi tre minuti, fino alla schiacciata di Johnson del 60-70. Hrovat, con due triple, è l’ultimo ad arrendersi, ma ancora Johnson, Watt e infine Haynes chiudono definitivamente la partita sul 66-76.

PETROL OLIMPIJA LUBIANA – REYER VENEZIA 66-76

Parziali: 22-13; 36-31; 48-52
Olimpija: Kastrati 5, Barbaric ne, Radulovic, Oliver 14, Span 2, Bubnic, Badzim 7, Morgan 20, Lorbek 1, Jurcek ne, Hrovat 17. All. Okorn.
Umana Reyer: Haynes 7, Peric 2, Johnson 12, Bramos 10, De Nicolao 7, Jenkins 2, Orelik 17, Bolpin ne, Ress 11, Biligha, Cerella, Watt 8. All. De Raffaele.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

  • Cronaca

    Mose attivato nella notte, Venezia all'asciutto

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Sport e attività motoria, cosa si può fare in Veneto: le Faq del Governo

  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento