menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Baracca non è adatto alla Lega Pro, il Mestre giocherà allo stadio di Portogruaro

La società calcistica ha richiesto l'utilizzo del Mecchia per la stagione 2017/18. "Tempi lunghi per l'adeguamento, il Comune sta valuando l'ipotesi di costruire un nuovo impianto"

Ora è ufficiale, nella prossima stagione in serie C il Mestre giocherà a Portogruaro. L'associazione calcio Mestre ha comunicato alla Lega Italiana Calcio Professionistico i nominativi degli impianti di gioco in cui la squadra disputerà le partite di casa nel campionato 2017/18, indicando come seconda scelta - ma di fatto l'unica percorribile - il "Mecchia", situato nella città del Lemene.

Per quanto riguarda il Baracca, la società continua a vagliare "tutte le strade percorribili per poter far tornare la squadra arancionera nel proprio stadio, consapevole che le difficoltà non sono tanto subordinate ai costi di adeguamento, quanto ai tempi degli eventuali lavori e alle questioni di sicurezza". Per ora "un impianto come quello mestrino comporta delle difficoltà sia per l’ubicazione che per il tipo di struttura", elementi che lo rendono non conforme alle normative della Lega.

Il Mestre ha di conseguenza scelto di iniziare il proprio percorso nell’impianto di Portogruaro, richiedendone l’utilizzo per la stagione 2017/2018 con un’opzione per quella successiva 2018/2019. Certo, il sogno sarebbe un nuovo impianto, idea che ha raccolto la disponibilità del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro. "Studiamo l'ipotesi della realizzazione del nuovo stadio di Mestre - scrive la società - con annessi impianti di allenamento e foresteria, per arrivare ad un progetto economicamente sostenibile dal punto di vista delle infrastrutture e delle attività commerciali annesse, che possa essere appetibile anche ad altri eventuali imprenditori, presenti e futuri".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento