Mirano, Giulia Scattolin è il primo tassello della squadra femminile

Conferma per il capitano della formazione che giocherà in C Femminile: «Non vogliamo nasconderci»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Esperienza, senso di leadership e una grande passione per la maglia biancoazzurra. La Pallacanestro Mirano riparte da una delle sue certezze per la prossima stagione femminile: il capitano Giulia Scattolin. Ala forte, classe 1989, Scattolin è uno dei punti fermi del roster miranese da diverse stagioni. Anzi: la sua carriera da senior è legata a doppio filo a quella del club del presidente Federico Polo: «Ho sempre giocato con questa canotta in tutti i miei anni da senior – racconta Scattolin – Ho fatto le giovanili a Santa Maria di Sala, e poi è arrivata la chiamata di Mirano con cui è nata una storia davvero magnifica. Credo di aver perso il conto delle stagioni in cui sono qui, e mi trovo davvero molto bene».

Capitano e leader del gruppo biancoazzurro, Giulia è un punto di riferimento importante anche per le tante giovani che si affacciano ai campionati senior. All’orizzonte c’è una stagione con ancora diverse incognite, ma anche con tanta voglia di ricominciare: «Non vedo l’ora di tornare in palestra, dopo la scorsa stagione interrotta in quel modo improvviso. Spero davvero di riuscire a dare il mio contributo, e soprattutto aiutare le ragazze più giovani con qualche consiglio. Insomma voglio mettermi a disposizione della società e della squadra». Ma non senza dimenticare le giuste ambizioni: «A Mirano ho vissuto annate meravigliose, come quella della promozione in serie B – continua Scattolin – Quest’anno non sarà facile ripartire dopo la pausa, ma dovremo prima di tutto puntare sulla forza del gruppo che ha sempre contraddistinto questa squadra. Poi vedremo cosa succederà in campionato: non vogliamo certo nasconderci, sappiamo di voler puntare a un campionato da protagoniste, provando anche ad arrivare in fondo. Poi ovviamente l’ultima parola spetterà al campo».

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento