menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Pazza idea": la partenza dei Mondiali di ciclismo da San Marco

Annunciato il progetto di portare nel 2020 la competizione iridata in Italia. Partenza suggestiva dal salotto di Venezia e arrivo invece a Vicenza

L'idea è suggestiva, e nel caso andasse in porto potrebbe regalare una cartolina mai vista prima ai Mondiali di ciclismo. Ci stanno tentando in tanti, ma per ora non c'è nulla di ufficiale. Dopo le trattative per avere il prologo del Tour de France a Venezia ne 2016, ora la città lagunare potrebbe entrare a far parte anche del percorso della competizione iridata nel 2020. Ad annunciarlo proprio il commissario tecnico della Nazionale Davide Cassani, che da Vicenza (la quale materialmente si candida a sede dei Mondiali) mercoledì mattina ha lanciato la "bomba".

Il ct ha parlato dalla Basilica Palladiana, dov'è in corso la mostra "Eroi del calcio-Storie di calciatori". L'idea sarebbe di far partire la gara da piazza San Marco, per poi far transitare i corridori in gran parte delle province venete. Le salite si troverebbero quindi sui colli Berici. La candidatura verrà presentata il 15 dicembre all'Unione ciclistica internazionale. Una corsa che già dai primi metri diventerebbe subito leggenda.

Secondo quanto spiegato dal comitato organizzatore (presente anche Francesco Guidolin, ex tecnico di Vicenza e Udinese, grande appassionato di ciclismo), sia Federciclismo che Coni avrebbero già dato il loro assenso al progetto. L'assegnazione ufficiale nel 2016 o nel 2017.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento