menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento del match (foto: reyer.it)

Un momento del match (foto: reyer.it)

Pesaro-Umana Reyer Venezia risultato partita 7 dicembre 2014

Gara sofferta degli orogranata che solo nei minuti finali portano a casa una partita complicata: non riesce la super rimonta degli avversari, i veneti ottengono la sesta vittoria consecutiva

Fino alla fine Reyer Venezia. Ancora una volta l’Umana Reyer chiude una partita solo nei momenti finali impedendo a Pesaro di ribaltare definitivamente la gara dopo l’incredibile rimonta da -21. Gli orogranata portano a casa la sesta vittoria consecutiva che consente di mantenere il primato solitario nel campionato di Serie A.
 

Recalcati inizia la partita con Stone, Goss, Dulkys, Ress e Peric. Peric apre le marcature segnando in penetrazione i primi punti del match, Pesaro però non si scompone e con un parziale di 8-0 in due minuti, allunga sul + 6. Dulkys 2 volte dall’arco riporta l’Umana in parità 8-8, si vive una fase di stallo grazie a buone difese da entrambe le parti fino a circa metà del quarto; da qui in poi gli orogranata sembrano prendere in mano le redini della partita con le penetrazioni di Goss e attaccando sistematicamente l’area avversaria vanno a guadagnarsi diversi viaggi in lunetta, in particolare con Peric, costringendo coach Dell’Agnello a chiamare time-out a 3’ dalla fine.

Chi sembra rigenerata dall’interruzione tecnica, è però proprio l’Umana che pressa a tutto campo e corre in contropiede; il neo-entrato Ceron e una schiacciata di Peric portano il massimo vantaggio sull’11-22, prima che i locali ricuciano parzialmente lo strappo finendo il quarto sotto 16-24.

Ruzzier da 3 apre il secondo quarto (17-27) ma Judge tiene a contatto Pesaro (già 7 punti dopo 11’). Da qui una difesa molto aggressiva e una pioggia di triple (3 in un minuto) con Ceron e Dulkys in grande spolvero segnano il nuovo massimo vantaggio per l’Umana (+14 a 8’40”, 19-33). Il time out chiamato dal coach di casa sembra portare i suoi frutti, con Basile da 3 e un paio di contropiedi che fermano l’emorragia (26-33 a 7’35”). Moore e Goss in tap-in a rimbalzo d’attacco ristabiliscono la doppia cifra di vantaggio ospite (29-39 a 6’ dalla fine), ma Musso è davvero in palla e con i suoi 10 punti personali in soli 15’ trascina il pubblico. Goss raggiunge già i 3 falli personali mentre l’Umana raggiunge il bonus di falli. Successivamente Moore segna di nuovo dalla media, Musso segna da 8 metri ma risponde Dulkys, finora pressochè infallibile dall’arco (+7 Umana: 37-44 a 3’ dalla fine del secondo quarto). Peric è il grande protagonista del finale del quarto con 7 punti che sommati ai 2 di Ress portano gli orogranata avanti 51-37 al termine del secondo quarto.

L’Umana inizia forte la terza frazione per tentare di chiudere la contesa e grazie ai liberi del solito Peric e a una tripla di Ress dopo 1’ è avanti 56-37. Pesaro è meno aggressiva in difesa e Ceron ne approfitta per infilare un’altra tripla e regalare il +19 all’Umana. A metà del quarto gli orogranata conducono 61-42 mentre è a 3’ dalla fine della frazione che l’Umana raggiunge il massimo vantaggio (66-46) ancora grazie a una tripla di Ceron. Musso è infallibile da 3 e accorcia mentre è ancora Peric, già a quota 20 punti, a chiudere il quarto per gli orogranata con i tiri liberi (10/12 dalla lunetta a fine partita) e una tripla. Il quarto si chiude con Ceron che porta a casa un fallo antisportivo e fa chiudere l’Umana avanti 76-55 il terzo quarto.

L’ultima frazione si apre con un parziale di 4-0 per Pesaro che costringe Recalcati al time-out immediato. 2 di Moore e 2 di Stone frenano il tentativo di rimonta dei marchigiani: dopo 2’30” di frazione l’Umana è avanti 80-63. Dopo 4’ di frazione Williams infila la tripla del -13 (69-82) per la Consultinvest, con l’Umana che sembra subire un po’ la voglia di tornare in partita dei padroni di casa. A 4’20” dalla sirena finale Myles segna con il fallo di Dulkys e l’Umana si ritrova avanti di “sole” 10 lunghezze (83-73). Ress guadagna due liberi che danno respiro agli orogranata ma Raspino risponde in pentrazione. Ross realizza un canestro con fallo e Pesaro torna sotto di 7, risponde Stone ai liberi ma è ancora un 3/3 di Musso a tenere sotto di 6 la Vuelle. Poi Williams infila la tripla del -3 87-84 e Dulkys fa 1/2 ai liberi mentre successivamente è Peric a segnare imbeccato da Stone: 90-84 Umana a 1’30” dalla sirena finale. A questo punto Ross guadagna e segna 2 liberi e una tripla dopo l’errore da 3 di Goss, Pesaro si ritrova sotto di 1 sola lunghezza a 40” dalla fine della partita. Stone sbaglia da sotto il canestro del +3 e Pesaro si ritrova la palla per vincere la partita allo scadere. L’Umana difende bene e Stone stoppa Ross a 5” dalla sirena mentre Williams non prende il tiro allo scadere e Pesaro chiude la partita con la palla in mano. Gli orogranata portano a casa i 2 punti e, tirando un sospiro di sollievo per l’epilogo finale, rimangono in testa alla classifica in solitaria in vista del big match contro Reggio Emilia di domenica 14 dicembre alle 18.15 al Taliercio.

Parziali 16-24; 21-27; 18-25; 34-14

Consultinvest Pesaro: Ross 23, Myles 13, Basile 6, Musso 19, Caverni ne, Raspino 9, Judge 7, Williams 8, Crow ne, Reddic 4, Tortù ne. All. Dell’Agnello

Umana Reyer Venezia: Moore 7, Stone 6, Peric 25, Goss 8, Bolpin ne, Ruzzier 5, Ress 7, Ortner 2, Nelson, Viggiano ne, Ceron 14, Dulkys 16. All. Recalcati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento