Pr Group ne segna due su tre a San Martino

All'ombra delle famose pale la scuderia veneziana chiude con una doppietta grazie ai successi di Montemezzo e Bertazzo. Male Luise, ancora una volta fermo al palo.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Dolo (Ve), 15 Settembre 2015 - PR Group chiude la propria partecipazione al Rally San Martino di Castrozza con una splendida doppietta griffata Opel.


Nella sesta edizione dell'Historique Rally San Martino, dedicato alle vetture storiche, Andrea Montemezzo ha fatto la voce grossa dominando in lungo e in largo la classifica dedicata alle auto classiche. In gara con il fido Andrea Fiorin, alla guida della consueta Opel Kadett Gsi in versione gruppo A, il portacolori di PR Group ha firmato tutte le prove speciali in programma ottenendo un netto successo confermato dal distacco, di oltre tre minuti, inflitto alla Peugeot 309 Gti di Tremonti e Pontin.

Gioisce anche Nico Bertazzo, alle note Cristiano Torregiani, che porta la sua Opel Kadett Gsi, in configurazione gruppo N, al trionfo nel nono raggruppamento nell'evento dedicato alla regolarità sport. Per il pilota della trazione anteriore tedesca una gara vissuta sul filo di lana grazie all'acceso duello con la Peugeot 205 Gti di Grimaldi e Barbieri giunti al termine secondi per due sole penalità. Dietro di loro il vuoto con il terzo classificato, Canteri in coppia con Pasetto sulla BMW M3, distanziato di 43 ben penalità.


L'unica nota dolente della trasferta in terra trentina arriva da Matteo Luise: il pilota di Adria, dopo aver centrato due successi assoluti alla guida dell'Audi Quattro A2 gruppo B del team Balletti Motorsport (Adria e Dolomiti), tornava alla guida della propria Fiat Ritmo desideroso di riscattare i due precedenti stop forzati accusati al Piancavallo della scorsa stagione e al Campagnolo di quest'anno. Rispettando purtroppo il detto "non c'è due senza tre" anche il San Martino di Castrozza ha visto il polesano, affiancato dalla moglie Melissa Ferro, rischiare il ritiro per la rottura dell'alternatore ancora prima di entrare nella prova speciale di apertura. Graziato dalla regola del super rally la giornata seguente si è rivelata ancor più negativa con il cedimento del propulsore, a pochi chilometri dallo start del terzo crono in programma, che ne ha decretato l'uscita di scena definitiva.

(immagine a cura di Fotosport)

Torna su
VeneziaToday è in caricamento