Nuova stagione alle porte per la Reyer, il fair play di coach De Raffaele: «Serie A difficilissima»

La squadra si è presentata alla stampa a Mestre. Il tecnico orogranata resta con i piedi per terra ma è carico: «Milano e Bologna un gradino sopra tutte, noi cercheremo di divertire». Tonut: «Ho sensazioni positive, cercheremo di fare un ottimo gruppo»

La squadra

L'orgoglio dello scudetto sul petto, l'adrenalina per la nuova stagione che comincia e l'umiltà di non sottovalutare mai l'avversario. L'aria che si respira all'Urban Centre di Mestre è quella delle grandi occasioni, di una squadra ancora ubriaca dell'ultimo titolo vinto ma già pronta per ripartire con una nuova stagione ancora più difficile, se possibile, della precedente.

«Campionato impegnativo»

I nuovi innesti, a pritre da Udanoh e Filloy, sono per la squadra una garanzia ma anche quest'anno il compito di amalgamare la rosa e trovare la quadra vincente spetterà a coach De Raffaele tanto positivo quanto realista nel descrivere un campionato particolarmente impegnativo: «Le squadre che quest'anno possono mettere in difficoltà il nostro team sono davvero tante. Milano ha fatto una campagna acquisti sontuosa, così come Bologna e credo che siano le due squadre un gradino sopra le altre. Ci sono le riconferme di sempre come Sassari, Cremona e Brindisi, mi piacciono molto Reggio Emilia e Brescia e poi ovviamente le sorprese come le neopromosse. Vedo una serie A molto difficile quest'anno. Tonut? Credo che per lui sia il momento giusto. La scelta è diversa, in quel ruolo di solito si preferiscono gli americani, noi invece abbiamo deciso di puntare forte su di lui. E' una scelta che lo responsabilizza e che definisce ancora di più il suo essere giocatore di alto livello».

Tonut

A guidare il gruppo quest'anno ci saranno naturalmente i "vecchi" del roster, da Bramos a Cerella, per finire con lo stesso Stefano Tonut che non sembra sentire più di tanto il peso di questa investitura da parte del coach: «Le sensazioni che ho sono positive e non vedo l'ora di iniziare. L'importante è lavorare sodo, fare gruppo e arrivare più in là possibile».

Il presidente

Il presidente Federico Casarin conferma gli umori del team: «Abbiamo cercato di confermare il nucleo vincente dell'anno scorso e abbiamo inserito degli innesti funzionali alla squadra. La squadra è competitiva e ambiziosa. Dopo 5 semifinali consecutive, due scudetti, una coppa europea si riparte con più volontà e più voglia in un campionato difficilissimo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento