Sport

Reyer, via al raduno precampionato. De Raffaele: «Bologna e Milano un passo avanti, ma diremo la nostra»

Il presidente Casarin chiude la questione Tonut: «È un giocatore importante, resta con noi»

Ha preso ufficialmente il via oggi la nuova stagione della Reyer Venezia, con il primo giorno di ritiro al Taliercio. Tanti i volti nuovi, ma anche uno zoccolo duro che negli ultimi anni è stato capace di portare a casa due scudetti e una Coppia Italia. «È il primo giorno e c'è l'emozione di ripartire, - ha detto il presidente orogranata Federico Casarin - dopo un anno problematico per il covid. Ricominciare sapendo che ci sarà anche un po' di pubblico è fondamentale».

Il campionato sarà molto complicato, non si nasconde dietro a un dito coach Walter De Raffaele: «Il livello generale si è alzato molto, ma siamo consapevoli di poter dire la nostra. La sfida sarà quella di tirare fuori il massimo da tutti i giocatori, sapendo che ci vorrà del tempo per trovare la giusta chimica e oliare dinamiche e sinergie. L'obiettivo del mercato è stato quello di ringiovanire il roster e aumentare la fisicità un po' ovunque perché il basket, come si è visto alle Olimpiadi, non è solo tecnica e tattica».

Quest'anno Milano e Bologna sembrano irraggiungibili, rinforzatesi ulteriormente. «Sono un passo avanti a noi, - ha detto De Raffaele - ma la sfida sarà contro tutte le altre squadre, che saranno agguerrite. Cercheremo di tenere testa a tutti, consci di avere creato un gruppo che nel tempo potrà crescere e sviluppare le proprie potenzialità».

Casarin si è quindi soffermato sulla "telenovela Tonut", ambito da grandi club, su tutti Milano. «Abbiamo confermato l'intento di continuare l'impegno insieme, perché è un giocatore protagonista e speriamo continui ad esserlo con i nostri colori». Gli ha fatto eco WDR: «Quando un giocatore diventa Mvp di un campionato è naturale che ci siano molte richieste. Non si è miglior cestista della Lega per nulla».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reyer, via al raduno precampionato. De Raffaele: «Bologna e Milano un passo avanti, ma diremo la nostra»

VeneziaToday è in caricamento