Sport

In mascareta con la scopa: la sfida delle befane è a colpi di remi

È partita alle 11 del giorno dell'Epifania la tradizionale regata delle "maranteghe". Primo all'arrivo, sotto al Ponte di Rialto, Gianni Colombo

Immagine twitter

Una tradizione che continua a rinnovarsi. È partita alle 11, dalla fermata di San Tomà, nelle vicinanze di palazzo Balbi, la 38esima regata delle Befane, organizzata come di consueto dai “veci” della Bucintoro, che hanno riportato per l'ennesima volta alla ribalta del Canal Grande una leggenda nata in una notte di brume invernali. Furono infatti Nino Bianchetto e Enzo Rinaldo, nel secolo scorso, a voler sfidare per la prima volta il gelo invernale “in mascareta cola scoa e instroegai da maranteghe” (in mascareta, con la scopa e vestiti da befane).

La "Befana in carica" da battere, quella che si è aggiudicata la passata edizione della gara, è Gianni Colombo Timbro, presente ai nastri di partenza per difendere "la scopa" del primato. Incitate dalle rive e dai sostenitori nelle barche a remi, per l'occasione vestiti da Babbi Natale e da Befane, le maranteghe sono transitate al giro di boa attorno alle 11.10, già distanziate l'una dall'altra. Dopo 15 minuti dal "via", l'arrivo sotto il ponte di Rialto, sul quale, per l’occasione, è stata issata - è proprio il caso di dirlo viste le dimensioni - una calza rossa gigante, che pendeva proprio sul Canal Grande. Primo a tagliare il traguardo è stato Gianni Colombo, accolto dai propri sostenitori e dal primo cittadino di Venezia, Luigi Brugnaro, che attraverso il proprio profilo twitter aveva già augurato in mattinata il proprio "in bocca al lupo" a tutti i partecipanti. Secondo piazza a Giovanni Rossi, mentre sul terzo gradino del podio si è piazzato Alessandro Pezzile.

AL LIDO - Nel giorno dell'Epifania non poteva mancare neppure la tradizionale "Corsa dea Befana", gara podistica non competitiva partita alle 11 dal patronato di Malamocco. Per i ragazzi è previsto un percorso di 4 chilometri, mentre gli adulti si sfidano su un tracciato lungo tre volte tanto. Al termine sono previsti spettacoli, giochi e divertimenti per i più piccoli, con l'atteso arrivo della Befana.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In mascareta con la scopa: la sfida delle befane è a colpi di remi

VeneziaToday è in caricamento