menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Reyer non molla mai: trascina l'AEK al supplementare, poi la spuntano i greci

Ancora una partita non adatta ai deboli di cuore. Dopo la maratona del primo turno, in Champions l'Umana va all'extra time anche con Atene. Gli ospiti non demordono e vincono

Altro arrivo in volata e altra fatica supplementare per l’Umana Reyer, che però stavolta si deve arrendere: l’Aek espugna il Taliercio 101-103. Oltre a Tonut, anche Cerella non è tra i giocatori a disposizione, sostituito dal giovane Ugolini. In quintetto partono Haynes, Jenkins, Bramos, Orelik e Watt. Mavroeidis è subito un fattore sotto le plance per l’Aek, con sei punti e tre falli provocati a Watt in 4’. L’Umana Reyer è comunque avanti 10-6 a metà quarto grazie alle due triple di Orelik e ai canestri di Haynes e di un Biligha che impatta molto bene sulla partita raccogliendo ben 5 rimbalzi in 6’. Con la precisione dall’arco (triple di Haynes e Johnson), gli orogranata allungano fino al 18-11 al 7’30”, con la panchina greca che chiama time out, riuscendo a riavvicinarsi fino al 18-15 del 9’, ma Bramos, ancora da 3, chiude il primo periodo sul 21-15.

Secondo quarto 

Dopo il botta e risposta iniziale in cui l’Umana Reyer mantiene un vantaggio di sei punti (25-19 al 12’), l’Aek sfrutta il canestro più tecnico per flopping a Bramos (che vale anche il bonus) per iniziare la rimonta: al 13’ è 25-23; poi, dopo la tripla di Bramos che ridà ossigeno agli orogranata (28-23), i greci impattano a quota 30 al 15’30” e passano in vantaggio nell’azione successiva con Atic. Dal 32-34 del 16’30”, però, l’Umana Reyer serra le fila in difesa, trovando anche un positivo Peric in attacco, e chiude così il primo tempo con un break di 6-0 che la manda avanti all’intervallo lungo di 4 punti, 38-34.

Terzo quarto 

Il secondo tempo si apre con la tripla del -1 (38-37) di Larentzakis, ma gli rispondono Watt e Orelik per il 45-39 al 22’. La partita procede “ad elastico”, con l’Aek che si riavvicina fino al -2 (45-43 al 23’30”), l’Umana Reyer che allunga fino al +5 (48-43 al 24’), con Watt protagonista di un paio di belle schiacciate, e i greci nuovamente a -2 (50-48) subito dopo metà periodo. Gli orogranata, con una tripla di Haynes e una schiacciata di Peric dopo un recupero di Jenkins riprovano l’allungo (55-48 al 26’), con la panchina ospite costretta al time out. Dalla tripla di Orelik del 58-51 al 27’, l’Aek si riavvicina fino al 60-58 al 29’, poi Peric e i liberi di Jenkins chiudono il periodo sul 64-60.

Ultimo quarto 

In avvio di ultimo quarto c’è grande precisione al tiro su entrambi i fronti, con Biligha e Jenkins che rispondono a un ispirato Elonu. Larentzakis fa 2/3 dalla lunetta per il fallo di Bramos allo scadere dei 24”, poi Peric e una schiacciata di Watt su assist verticale dello stesso croato portano l’Umana Reyer sul 72-66 al 32’30”. Gli orogranata non riescono però a distanziare l’Aek, in una partita che vede parecchi contatti al limite non sanzionati in campo. Dal 72-70 del 34’30”, anche grazie al fallo più tecnico a Mavroeidis, si arriva comunque sul 77-70 al 36’ sull’accelerazione di Peric che spinge la panchina greca al time out. Al rientro in campo, una schiacciata di James su tap-in muove il punteggio, che poi rimane però a lungo sul 77-72. Gli orogranata fanno però fatica in attacco e, con la tripla dell’ex Green e il canestro di Mavroeidis, è De Raffaele a dover chiamare il time out a -1’47” sul 77-77. Johnson fallisce la penetrazione e, a -1’14”, Larentzakis firma il sorpasso (77-79) dalla lunetta sul quarto fallo di Watt. Sull’altro fronte, è James a spendere il quarto personale, mandando in lunetta Bramos che impatta (79-79) a -59”. Sull’errore di Barlow da 3, il rimpallo favorisce Sakota (79-81 a -34”) e, sull’azione seguente, Peric, a -19”, provoca il quinto fallo di Mavroeidis, anche se poi fa solo 1/2 e, sul rimbalzo, l’ultimo tocco è di Orelik. Si riparte dopo il time out Aek dall’80-81, con Haynes che spende fallo su Green a -16” (2/2, 80-83 e time out Umana Reyer). Subito arriva il quarto fallo di Barlow (2/2 di Johnson) e a -12” quello di Haynes (ancora 2/2 di Green). Poi, però, Larentzakis, a -9”, commette un ingenuo antisportivo su Johnson (altro 2/2 e 84-85). Haynes stavolta sbaglia la tripla, ma Orelik porta a casa rimbalzo e quarto fallo di Larentzakis: l’instant replay conferma che l’infrazione è arrivata in tempo utile (con 9 decimi da giocare), così il lituano va in lunetta ma l’1/2 vale solo l’85-85 per il supplementare.

Primo tempo supplementare

Tra gli 0/2 dalla lunetta di Sakota prima e Watt poi segnano Johnson ed Elonu, poi Sakota mette al 41’30” la tripla dell’87-90, non imitato da Bramos, ma da Green, che firma l’87-93 al 42’, con seguente time out orogranata. Sul quinto fallo di Larentzakis, Orelik fa 2/2. così come Green sul fallo di Johnson dopo palla persa. Ma il numero 3 si rifà: tripla, schiacciata (dopo un canestro fortunoso di Green) e, dopo i canestri di Sakota e Orelik, altra tripla per il 99-99 a -36”. Ancora Green trova il 99-101 a -17” e di nuovo Johnson impatta con una schiacciata a -8 (101-101). Ma la schiacciata della vittoria è quella di James per l’Aek, a -2”, visto che il tentativo finale di Johnson da oltre metà campo, sul 101-103 si spegne sul ferro.

BCL: UMANA REYER VENEZIA – AEK ATENE 101-103 D1TS

Parziali: 21-15; 38-34; 64-60; 85-85;

Umana Reyer – Haynes 8, Peric 19, Johnson 20, Ugolini ne, Bramos 10, De Nicolao, Jenkins 4, Orelik 25, Bolpin, Ress ne, Biligha 6, Watt 9. All. De Raffaele.
Aek Atene – Elonu 12, James 4, Green 23, Xanthopoulos, Sakota 15, Tsalmpouris ne, Atic 4, Larentzakis 14, Barlow 13, Moraitis ne, Mavroeidis 18, Sy. All. Manolopoulos.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento