Mercoledì, 12 Maggio 2021
Sport

La Reyer risponde alla sconfitta di gara 1: serie in parità, ora i match clou ad Avellino

Le prossime saranno con ogni probabilità le sfide cruciali della semifinale scudetto. Gli orogranata rispondono con carattere alla debacle di 48 ore prima. Batista lascia il segno

Foto Ottavia Da Re

Risposta sul campo doveva esserci e risposta c'è stata. L’Umana Reyer risporta la serie in parità con gran carattere dopo la sconfitta di gara 1 e travolge Avellino 88-77. Ora ci si trasferisce al PalaDelMauro sull’1-1. Tra i dodici ritorna, al posto di Hagins, Batista, che parte in quintetto con Haynes, Tonut, Bramos e Peric. Fin dall’avvio gli orogranata mostrano grande concentrazione e proprio il centro uruguaiano è un fattore, con Peric che poi dà il 13-6 al 3’. Le difese sono molto aggressive, ma l’Umana Reyer tira 7/9 da 2 e 1/1 da 3 sul time out ospite sul 17-11 al 6’. Il pressing a tutto campo veneziano mette in grande difficoltà Avellino e due triple di Filloy fissano così il punteggio sul 27-15 a fine primo quarto.

Il secondo periodo si apre con una serie di canestri da tre punti su entrambi i fronti. Logan e Ragland sono ottimamente contenuti dalla difesa orogranata, che propizia ancora un allungo basato sulle triple: con una di Haynes e due di Bramos, al 17’ è così 41-24, con l’Umana Reyer che tira 10/16 da 2 e 7/14 da 3, prendendo anche 18 rimbalzi contro gli 11 di Avellino. Nel finale di tempo, però, si sveglia Logan, che trascina la Sidigas in un parziale di 0-11, che manda le squadre all’intervallo lungo sul 41-35.

Avellino si riavvicina sul 43-39 al 22’, quando l’attacco orogranata appare un po’ fermo, ma, nonostante il quarto fallo fischiato a Tonut, l’Umana Reyer risponde con grande reattività: è Peric, il primo a raggiungere la doppia cifra, a riportare il vantaggio veneziano in doppia cifra (51-41 al 24’) e il margine viene poi via via incrementato, tornando a toccare il +17 (62-45) con la schiacciata di Ejim in contropiede dopo un recupero di Filloy al 26’30”, con il +21 di Peric (66-47) proprio sulla sirena.

Al 31’ è sempre Peric a dare il 69-47 con un gioco da tre punti, poi uno 0-8 firmato interamente da Green riavvicina Avellino, che sfrutta il gioco sporco tollerato dagli arbitri e il tecnico a Peric per chiudere un parziale di 2-14 al 33’30” (71-61). Ma ancora la risposta orogranata non tarda: 10-0 concluso da una tripla di McGee allo scadere dei 24” e 81-61 al 26’ che chiude virtualmente i giochi. Dal massimo margine (88-65 al 37’30”), è infatti garbage time e Avellino può solo contenere il divario finale sull’88-77.

Gara2 Umana Reyer Venezia – Sidigas Avellino 88-77
Parziali: 27-15; 41-35; 66-47

Umana Reyer: Haynes 13, Ejim 11, Peric 23, Stone, Bramos 6, Tonut 6, Groppi ne, Filloy 9, Ress, Batista 10, Viggiano, McGee 10. All. De Raffaele.
Sidigas: Zerini 3, Ragland 5, Green 11, Logan 17, Esposito ne, Leunen 5, Cusin 2, Severini 2, Randolph 12, Fesenko 6, Thomas 11, Parlato 3. All. Sacripanti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Reyer risponde alla sconfitta di gara 1: serie in parità, ora i match clou ad Avellino

VeneziaToday è in caricamento