menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ottavia Da Re

Foto Ottavia Da Re

La semifinale inizia con il piede sbagliato: Scandone Avellino corsara al Taliercio

Venerdì sera i campani espugnano il palasport mestrino allungando nell'ultimo quarto. I piccoli biancoverdi fanno la differenza, ma la serie è ancora molto lunga

Avellino espugna il Taliercio in gara 1 della serie di semifinale: 73-80 il punteggio favorevole alla Sidigas al termine di un incontro contrassegnato dal grande agonismo in un palasport sold out. Coach De Raffaele sceglie, nelle rotazioni degli stranieri, di lasciare fuori i due centri di ruolo (Ortner e Batista) e parte in quintetto con Haynes, Tonut, Bramos, Peric e Ress. Al canestro iniziale di Peric Avellino risponde con due triple (Thomas e Ragland) per il 2-6 dopo 1’30”. Dal massimo vantaggio ospite, l’Umana Reyer risponde con grande intensità e, con la tripla di capitan Ress, impatta a quota 8 al 3’, superando subito dopo con Tonut, ancora dall’arco (11-8 al 3’30”). Ragland è indiavolato, ma la difesa orogranata alza l’intensità e, al 6’30”, Peric dà il +4 (17-13). I raddoppi difensivi ingabbiano Fesenko, ma la Sidigas inizia con un 5/5 da tre punti e così, al primo intervallo, è 21-21.

Nel secondo quarto c’è una prevalenza delle ottime difese sugli attacchi e l’Umana Reyer torna a +4 (25-21) al 13’ con Hagins. Avellino si sblocca dalla lunetta con Thomas dopo 5’ senza punti a referto e, con una tripla di Leunen, passa addirittura avanti (25-26) al 16’. Ma l’incontro resta in grande equilibrio, con qualche persa orogranata sul pressing avversario in fase di ricostruzione che non viene pagata comunque troppo cara: dopo il parziale di 4-11 chiuso dalla schiacciata in contropiede di Logan al 19’, una tripla di McGee allo scadere dei 24” riporta la situazione in parità, sul 32-32, che è anche il punteggio all’intervallo lungo.

In avvio di ripresa, l’Umana Reyer infila un parziale di 7-0 con la tripla di Bramos, i liberi di Hagins e il canestro di Haynes per il 39-32 al 22’, ma poi l’attacco orogranata si blocca. E’ Cusin ad aprire un break di 5-16 che porta la Sidigas avanti 44-48 al 27’: parziale che diventa di 10-23 con i punti finali di Zerini che danno agli ospiti il 49-55 all’ultimo intervallo breve.

Fesenko diventa un fattore nell’ultimo quarto, anche se è Randolph a trovare il canestro della doppia cifra di vantaggio (52-62) al 32’. De Raffaele prova a ruotare tutti gli effettivi, schierando anche quintetti atipici, con Peric che prova il dare il là ad un sussulto orogranata per il 58-64 al 34’. Ma Avellino ha la forza per riprendere in mano l’inerzia, con la tripla di Green al 39’ che chiude virtualmente i giochi sul 68-78: a Peric e Tonut, nell’ultimo minuto, riesce infatti solo l’obiettivo di limare il ritardo, sul 73-80 finale.

Gara 1: Umana Reyer Venezia – Sidigas Avellino 73-80
Parziali: 21-21; 32-32; 49-55
Umana Reyer: Haynes 8, Hagins 6, Ejim 6, Peric 18, Stone, Bramos 8, Tonut 11, Groppi ne, Filloy 2, Ress 4, Viggiano, McGee 10. All. De Raffaele.
Sidigas: Zerini 8, Ragland 20, Green 5, Logan 9, Esposito ne, Leunen 3, Cusin 6, Severini ne, Randolph 13, Fesenko 9, Thomas 7, Parlato ne. All. Sacripanti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento