menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Reyer torna a ruggire in un Taliercio sold out: Sassari sconfitta solo all'overtime

Gli orogranata chiudono la serie di 6 sconfitte consecutive portando a casa un match tiratissimo nelle sue battute finali. Due punti che regalano ossigeno alla classifica

Nell’ennesimo finale al cardiopalma della stagione, l’Umana Reyer ritrova la vittoria piegando (per la prima volta della storia in Serie A al Taliercio) il Banco di Sardegna Sassari 82-80 dopo un supplementare.

Primo quarto 

Il quintetto iniziale orogranata è “pesante”, visto che, al fianco di Haynes, Johnson e Watt ci sono sia Orelik che Peric, che costruiscono il primo canestro del match (assist del lituano per la schiacciata del croato). L’avvio dell’Umana Reyer è comunque perfetto soprattutto in difesa: Sassari è costretta al time out al 4’30” sull’8-0 dopo una grande accelerazione di Haynes e trova i primi due punti del match solo al 5’30” con la schiacciata in contropiede di Polonara per l’11-0. L’inerzia però non cambia: la tripla di Orelik e ancora Haynes danno il +14 (16-2) al 6’30”, poi gli ospiti trovano un ispirato Bamforth per riavvicinarsi sul 16-8 al 7’30”. Johnson, comunque, punisce la zona con al tripla del 19-8 e poi Biligha schiaccia il 21-8 su grande assist di Tonut. Ancora Bamforth chiude i primi 10’ sul 21-10.

Secondo quarto

Tonut è il protagonista in avvio di secondo periodo, con un bel canestro in rovesciata e un altro grande assist per Tonut, che riporta l’Umana Reyer avanti 25-12 al 12’. Anche per il bonus speso dagli orogranata dopo soli 3’30” Planinic diventa un fattore e, sfruttando le difficoltà offensive veneziane per 3’, Sassari è 25-21 al 14’30”. Dopo il time out di coach De Raffaele, è Haynes a punire dall’arco, con la pronta risposta di Spissu, ma Orelik da 3 e Watt riallungano sul 33-24 al 17’30”. Nonostante il terzo fallo di Tonut, il finale di tempo vede l’Umana Reyer tornare al vantaggio in doppia cifra (36-25) sulla tripla di Watt, poi Jones rrova il 36-27 all’intervallo lungo.

Terzo quarto

Jones ha un ottimo impatto in avvio di ripresa, con sei punti personali a cui l’Umana Reyer risponde però colpo su colpo e, giocando ottimamente di squadra (begli assist di Johnson per Orelik e Haynes per Watt), ritrova la doppia cifra di vantaggio al 24’ (45-35). Watt continua la sua ottima serata chiudendo con il canestro del 49-39 al 26’30” la più bella azione della partita (palla toccata da tutti e cinque i giocatori in un attimo, fino all’assist finale). Ma Sassari non è mai doma e, con un Randolph particolarmente ispirato (14 punti nel solo terzo quarto!) si riporta addirittura a -3 (52-49) nell’ultimo minuto di terzo quarto, che si chiude sul 55-51.

Ultimo quarto

Si segna poco in avvio di ultimo parziale (un canestro di Biligha e uno di Planinic in 4’), con Sassari che poi si riavvicina ancora a -3 (58-55) e viene ricacciata indietro dall’Umana Reyer quando riprende a giocare con efficacia di squadra: sul 62-55 a metà quarto, la panchina sarda chiama time out. Watt viene sanzionato con un antisportivo, ma gli orogranata difendono forte e al 36’30” è 65-59. Sassari però rientra ancora e trova la prima parità del match a quota 65 con un libero di Jones a -1’27”. Escono per falli Devecchi e Tonut e le squadre sono precise dalla lunetta nel finale: dopo i 2/2 di Haynes e Banforth e l’errore finale di Haynes da 3 si va al supplementare.

Overtime

Gli ospiti trovano il primo vantaggio del match con i liberi di Banforth che aprono l’extratime e la partita procede di lunetta in lunetta. Biligha schiaccia su tap-in il 75-74 al 43’, ma è Sassari ad entrare nell’ultimo minuto in vantaggio (dopo il quinto fallo di Johnson e Jones): 77-79. Sia Haynes che Bamforth sbagliano un libero, poi Orelik impatta a quota 80 a 12” dalla sirena. Dopo il time out sassarese, la difesa orogranata costringe Randolph all’infrazione di 5” sulla rimessa e, sul fallo istantaneo chiesto da Pasquini, Haynes sigla il sorpasso dalla lunetta a 7” dalla fine. E’ poi la grande difesa di De Nicolao su Bamforth a portare l’avversario a uscire dal campo, col recupero di palla a -3” che vale la vittoria per 82-80.

REYER VENEZIA – BANCO DI SARDEGNA SASSARI 82-80 DTS


Parziali: 21-10; 36-27; 55-51; 69-69

Umana Reyer: Haynes 17, Peric 14, Johnson 8, Green ne, Tonut 2, De Nicolao, Orelik 17, Bolpin ne, Ress ne, Biligha 6, Cerella ne, Watt 8. All. De Raffaele.
Banco di Sardegna: Spissu 3, Bamforth 25, Planinic 9, Devecchi, Randolph 21, Pierre 4, Jones 12, Stipcevic 2, Hatcher, Polonara 4, Picarelli ne, Tavernari ne. All. Pasquini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento