menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ottavia Da Re

Foto Ottavia Da Re

Continua il percorso netto della Reyer in campionato: mai una partenza a razzo così

Sabato sera il Taliercio si dimostra dolce per gli orogranata, che battono la Vanoli per 92 a 81. Grande prova di squadra, ad eccellere Watt e Orelik. Tra gli ospiti super Johnson-Odom

Con una partita in crescendo, un grande gioco di squadra e un ottimo apporto della panchina (ben 50 punti su 92) l’Umana Reyer batte la Vanoli Cremona 92-81 e mantiene l’imbattibilità in testa alla classifica di Serie A. La novità in quintetto orogranata è Biligha (schierato con Haynes, Johnson, Bramos e Peric) e la squadra parte subito forte: 7-2 in meno di 2’, con i canestri di Peric (su assist di Bramos), Biligha (schiacciata) e Johnson (da 3). Una tripla dell’ex Ruzzier apre un break cremonese di 0-10, che porta sul 7-12 al 4’ e, giocando in velocità e con ottime percentuali, gli ospiti allungano fino al 12-20 al 5’30”, con coach De Raffaele che chiama time out dopo il parziale di 5-18. I giocatori usciti dalla panchina dell’Umana Reyer, insieme ad un ispirato Johnson, danno il là alla rimonta, costruita anche con la zona-press 3-2: con l’aggressività e la mano calda di Orelik e Watt, al 9’ arriva il controsorpasso (23-22) e la schiacciata sulla sirena del centro chiude il primo quarto con un controbreak di 18-5 per il 30-25.

Secondo quarto

Cremona comunque non molla, nonostante il pressing a tutto campo degli orogranata per rallentare i ritmi degli avversari. Al 13’30”, dunque, Milbourne riporta avanti la Vanoli (34-35), ma l’Umana Reyer dimostra che, quando mette in campo la giusta intensità, può incanalare la partita sui giusti binari. E’ un ottimo break di Biligha, condito anche da tre rimbalzi offensivi, a riscavare un buon margine: 44-37 al 17’ e time out cremonese. Si gioca a ritmi alti e gli ospiti tornano a -1 (44-43) al 18’, ma il finale è nuovamente orogranata: dopo la tripla di Orelik, il protagonista è di nuovo Watt, che trascina l’Umana Reyer sul 53-46 all’intervallo lungo.

Terzo quarto 

Una tripla di Bramos apre il secondo tempo con il primo vantaggio in doppia cifra per l’Umana Reyer (56-46), ma Cremona non molla (56-52 al 22’30”). Una schiacciata di Johnson e un 3/3 dalla lunetta di Bramos riallargano il margine ed è l’inizio del break decisivo. Perché, stavolta, gli orogranata continuano con la giusta intensità e, su una schiacciata di Watt su assist di De Nicolao, tornano a +11 (65-54) al 26’30”. Il time out di Sacchetti non interrompe l’inerzia: al ritorno in campo, Orelik punisce da 3 due volte, prima per il 68-54 e poi per il 73-58 e si va all’ultimo intervallo sul 76-59, al termine di un quarto in cui l’Umana Reyer subisce solo 13 punti.

Ultimo quarto

Gli orogranata continuano a giocare di squadra (alla fine sono ben 25 gli assist!) e il margine continua ad allargarsi, fino all’85-62 con il gioco da tre punti di Peric al 33’, a chiusura di un’ottima azione con circolazione veloce Haynes-Biligha. L’ultimo sussulto di Johnson-Odom riporta Cremona sull’87-74 subito dopo metà quarto: De Raffaele riordina le idee con un time out e la squadra riprende a giocare con concentrazione, chiudendo virtualmente i giochi con il 90-74 di Peric al 36’. Negli ultimi minuti, infatti, il punteggio si muove poco, con gli ospiti che riescono solo a limitare il passivo sul 92-71 finale.

UMANA REYER VENEZIA – VANOLI CREMONA 92-81 
Parziali: 30-25; 53-46; 76-59

Umana Reyer: Haynes, Peric 12, Johnson 12, Bramos 8, Favaretto, De Nicolao 2, Jenkins 7, Orelik 21, Bolpin, Ress, Biligha 10, Watt 20. All. De Raffaele.
Vanoli: Johnson-Odom 27, Martin 13, Gazzotti, T. Diener, Ricci 4, Ruzzier 3, Portannese 2, Sims 14, D. Diener 7, Milbourne 11. All. Sacchetti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento