rotate-mobile
Sport

Reyer: la vendetta va gustata calda, Casarin: "Con Pesaro subito rivincita"

Il direttore sportivo orogranata analizza la debacle della Final Eight: "Non eravamo abituati a manifestazioni del genere, siamo stati troppo molli. Resta il prestigio di averci partecipato"

Chiusa la partentesi della Final Eight di Coppa Italia, l'Umana Reyer si rituffa nel campionato. Gli orogranata dovranno per forza di cose mostrare un'altra faccia domenica sera alle 20.30 quando al Palaverde, ironia della sorte, arriverà proprio quella Scavolini Siviglia Pesaro che venerdì a Torino ha impartito una dura lezione agli uomini di coach Mazzon. Una partita per la quale sono già stati venduti oltre 400 biglietti in prevendita.

QUI CASARIN: Obiettivo puntato sul campionato anche per Federico Casarin che analizza così la situazione dopo la sconfitta delle Final Eight. "Così come siamo stati bravi a resettare dopo ogni vittoria, altrettanto dobbiamo fare dopo la sconfitta di venerdì scorso - spiega il direttore sportivo - Il calendario domenica ci porrà di fronte di nuovo a Pesaro offrendoci l'opportunità di prenderci subito la rivincita. Sarà una battaglia perchè da qui alla fine il margine di errore diminuirà sempre più e perché Pesaro ha confermato di essere un'ottima squadra. Ma sarà una sfida diversa da quella di Torino anche perchè ogni partita fa storia a sé. Dobbiamo essere bravi ad adattarci a ogni signola situazione, pensando solo al fatto che chiunque vada in campo gode della massima stima da parte di tutti noi, e senza pensare quindi agli assenti".


Cosa dovrà essere diverso rispetto alla sfida di Coppa Italia per vedere la vera Umana Reyer? "Si dovrà rivedere quella determinazione e quell'atteggiamento che sono stati la nostra forza in campionato - continua Casarin - diversamente in Coppa Italia, probabilmente per inesperienza in kermesse del genere, la squadra è sembrata troppo molle e non ha interpretato la sfida nel modo corretto. Purtroppo resta il rammarico perchè le cose non sono andate come speravamo e perchè di fatto non l'abbiamo proprio giocata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reyer: la vendetta va gustata calda, Casarin: "Con Pesaro subito rivincita"

VeneziaToday è in caricamento