menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto reyer.it

Foto reyer.it

Reyer bella d'Europa, vince e convince: Peric e compagni schiantano l'Avtodor Saratov

Finisce 106 a 91 il match al Taliercio di Champion's League. Una partita per lunghi tratti segnata da tira e molla, ma che ha registrato buona intensità negli uomini di De Raffaele

La miglior Reyer di stagione, in una partita iniziata al rallentatore. Dopo il canestro iniziale di Klimenko, infatti, bisogna attendere quasi due minuti per il primo canestro orogranata: lo mette a segno Ejim, con Bramos che mette subito dopo una tripla aperta dall’angolo per il 5-2 al 2’30”. L’Umana Reyer difende forte e attacca con pazienza e la partita resta in equilibrio fino al 6’ (14-12), quando Saratov infila uno 0-8 in poco meno di un minuto e mezzo ed è 14-20. Nonostante il secondo fallo di Haynes, gli orogranata restano però a contatto all’intervallo breve (20-23) con i canestri di Filloy e Peric intervallati dai liberi di Ress.

Proprio due triple del capitano danno il là al parziale di 13-2 a cavallo dei due quarti (8-0 in un minuto, grazie anche alla bomba di Peric e al contropiede di Viggiano) per il 31-25 al 12’. Dopo l’antisportivo fischiato a Klimenko, l’Umana Reyer riscrive il massimo vantaggio: 35-28 al 13’30” sul contropiede di Bramos. La partita vive poi un momento tutt’altro che brillante, sia da parte delle due squadre che per i fischi arbitrali, e gli ospiti ne approfittano per tornare in parità, a quota 35, al 16’. Gli orogranata tornano sul +5 (40-35) al 18’, ma Saratov, con grande precisione nel tiro pesante, chiude il primo tempo avanti 42-46.

L’Avtodor continua l’inerzia in avvio di secondo tempo, con un parziale di 0-10 a cavallo di secondo e terzo quarto che dà il 42-50 al 21’. Si accende però McGee, fino a quel momento a secco, con un 3/3 nelle triple che portano l’Umana Reyer a -1 al 23’: 53-54. La rimonta viene completata, ancora da tre punti, da Bramos per il parziale di 17-6 che porta al 59-56 al 24’30”. La partita vive di strappi: Saratov torna avanti al 25’30” (59-60), gli orogranata rispondono ed è 67-62 al 27’30”, poi di nuovo break ospite e 69-70 a 21” dalla fine, con Ejim che mette infine il libero del pareggio a quota 70 con cui si arriva agli ultimi 10’.

Nell’ultimo quarto, dopo il botta e risposta McGee-Zubcic, l’Umana Reyer, difendendo forte e attaccando con buona pazienza e concentrazione, trova il break di 7-0, interamente firmato da Filloy, che costringe la panchina russa a chiamare time out sul 79-72 al 32’30”. La pausa non deconcentra gli orogranata, che continuano a mantenere l’approccio giusto e, dopo quasi tre minuti di botta e risposta, l’Umana Reyer riscrive più volte il massimo vantaggio: +9 (88-79 al 35’) con i liberi di Filloy, +10 al 37’ (93-83) con la tripla di Peric e subito dopo +12 con l’accelerazione di Ejim che porta la panchina di Saratov a chiamare di nuovo time out. Una tripla di Frazier illude i russi, ma ormai gli orogranata hanno le mani sulla partita e il Taliercio esplode sulle due schiacciate in contropiede di Ejim (la prima addirittura in rovesciata!) che portano l’Umana Reyer oltre quota 100 (101-86 a -1’15”), con il punteggio arrotondato fino al 106-88 da Ortner prima dell’ultima tripla di Frazier.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento