Partita thrilling: la Reyer super la Movistar 92 a 91, ma l'Aek la condanna all'Europe Cup

Finisce per quest'anno l'esperienza degli orogranata in Champions, ma non quella in Europa. Gli uomini di WDR partono a razzo, poi si fanno rimontare, spuntandola sul finale

L'Umana Reyer fa il suo dovere e batte la Movistar Estudiantes in una combattutissima partita, finita 92 a 91. Ma gli orogranata sono comunque fuori dalla Champions: oltre a vincere il match di martedì sera al Taliercio contro gli spagnoli, infatti, dovevano sperare nella sconfitta dell'Aek contro il Medi Bayreuth, circostanza che non si è verificata, con i greci usciti vittoriosi all'ultimo tiro, proprio sullo scadere.

Ora l'Europe Cup

Nonostante la vittoria, quindi, gli uomini di Walter De Raffaele continueranno il proprio cammino europeo in Europe Cup, salutando, almeno per quest'anno, la Champions League. Nessuna speranza di ripetere l'impresa dello scorso anno, quando giunsero alle final four della competizione a Tenerife.

Primo quarto

Starting five classico per gli orogranata (Haynes, Tonut, Bramos, Peric e Watt) e approccio ottimale, con un gioco da tre punti di Bramos che sblocca il match. L’Estudiantes si affida al solo, ispirato Landsberg, con gli ospiti che rientrano dall’8-3 del 2’30” al 10-9 del 4’. Ma l’Umana Reyer resta concentrata e, in un match con metro arbitrale molto fiscale e altissime percentuali allunga nuovamente fino al 20-13 del 6’30”. Al 7’ entra anche Daye, che ha un ottimo approccio, dando il là al nuovo break, fino al 27-15 dell’8’30”, che diventa 32-19 al primo intervallo.

Secondo quarto

Con le triple di Johnson, Daye e Jenkins gli orogranata toccano il +20 (41-21) al 12’, poi a rispondersi dall’arco sono Johnson (49-28 al 14’) e Hakanson, che con tre canestri pesanti di fila riavvicina l’Estudiantes sul 51-34 al 16’. L’Umana Reyer trova nel frangente un Watt protagonista su entrambi i lati del campo (54-36 al 17’30”), ma gli ospiti trovano dieci punti di fila di Vicedo, rientrando sul 54-46 a 42” dalla fine del primo tempo. Anche Haynes, però, la mette dall’arco, completando un primo tempo nel quale, chiudendo sul 57-46, gli orogranata chiudono con il 65,6% al tiro e 8/12 da 3.

Terzo quarto

Al rientro in campo, l’Umana Reyer riprende 12 punti di vantaggio con i canestri di Watt (63-51 al 22’30”), poi l’Estudiantes comincia a colpire dall’arco, con un super Landesberg e capitan Ress che si alza in piedi dalla panchina capendo il momento di difficoltà, scuotendo il pubblico. Gli ospiti, comunque, passano avanti (66-68) a metà quarto e, dopo la pronta reazione firmata Watt, toccano il +3 (68-71) al 26’30”. Due triple di De Nicolao, un canestro di Biligha e uno di Johnson riportano l’Umana Reyer sul +4 (78-74), con i canestri finali da 3 punti di Cook e Jenkins che chiudono il quarto sull’81-78.

Ultimo quarto

La partita, ormai, viaggia sui binari dell’equilibrio, con l’Estudiantes di nuovo avanti 83-86 al 33’30” e gli orogranata che si ritrovano, in una partita in cui i contatti fisici si fanno più duri, dopo il time out di coach De Raffaele. Un’accelerazione di Haynes (che poi non completa il gioco da tre punti) e un canestro di Bramos valgono l’87-86, poi, a metà quarto, Hakanson mette la tripla dell’87-89. Il punteggio rimane a lungo bloccato, fino al bel pareggio di Watt al 38’. Dopo una serie di errori dall’arco, Bramos mette la tripla del 92-89 a -1’23”, Brown i liberi del 92-91 a -1’12” e nel minuto finale il punteggio non si muove più, con instant replay (sulla lotta a rimbalzo dopo l’errore finale di Cook da 3) che determina la fine della partita. E la doppia beffa, perché anche l’Estudiantes è fuori dalla Champions per la classifica avulsa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Cav: due anni di canone Telepass gratuito per i residenti di Venezia, Treviso e Padova

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Bozza del nuovo Dpcm: stretta sui bar, punto su visite e scuola

  • Zaia conferma: «Il Veneto sarà in area arancione»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento