menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Reyer strappa la vittoria ai supplementari contro Torino, successo esterno prezioso

Gli orogranata vincono di 3 punti in trasferta. E' il quarto successo di fila tra campionato ed Europa, nonostante i problemi con gli infortuni. Sugli scudi soprattutto Peric e Haynes

Nonostante l’emergenza, l’Umana Reyer espugna con merito, al supplementare, il Pala Ruffini di Torino 90-93, tornando a vincere in trasferta in campionato e trovando la quarta vittoria di fila tra Serie A e Champions League. La prima notizia è negativa per l’Umana Reyer: Tonut è in panchina, ma difficilmente potrà giocare, per il riacutizzarsi del solito fastidio muscolare. De Raffaele parte allora con Haynes, McGee, Bramos, Perice e Ortner. I ritmi sono alti, come piace a Torino, ma gli orogranata reggono con una buona intensità difensiva, che porta a molti recuperi ed al primo allungo: 4-9 al 2’30” con il contropiede di Bramos. A metà quarto l’Umana Reyer è ancora avanti, 9-13, anche se la Fiat mette in campo tutto il suo atletismo e, trascinata da White e Washington, mette nei secondi 5’ un parziale di 15-2, per il 24-15 al primo intervallo.

L’inerzia piemontese prosegue anche in avvio di secondo quarto: all’11’ è 30-19, ma, a partire dalla tripla di un ottimo Filloy, l’Umana Reyer riesce a mettere in difficoltà l’attacco di Torino e, tirando con buona precisione da 3 punti (5/10), al 14’ mette la freccia sul 32-33 (parziale di 2-14 in poco più di 2’30”). La partita procede a strappi: ai sette punti di fila di Poeta (39-33 a metà periodo), gli orogranata rispondono con una serie di palle recuperate, andando a pressare sulla rimessa dei padroni di casa e tornano avanti (39-40 al 17’) sul terzo fallo di Washington. Ancora Filloy, che trova un’ottima intesa con Ortner, dà il 42-44 al 19’, anche se Wilson impatta dalla lunetta nell’ultimo minuto.

Le squadre abbassano le percentuali in avvio di ripresa. Il primo canestro è la penetrazione di Haynes al 22’30”, poi si vive di sorpassi e controsorpassi, con Ortner prima ed Ejim poi che arrivano al terzo fallo a ridosso della metà periodo. A tornare ad avere due possessi di vantaggio è Torino, al 26’ (57-53), con le penetrazioni di Peric, che carica di falli gli avversari, che rispondono ad un ispirato Harvey ed è il finale di Viggiano, con due triple di fila, intervallate dal canestro da 3 di Washington del 67-62, a ridare il -2 (67-65) all’ultimo intervallo.

Più volte, in avvio di ultimo quarto, l’Umana Reyer fallisce il canestro del sorpasso, affidandosi con poca precisione al tiro da 3, ma Torino non riesce mai ad allungare oltre il +4. Così, dopo l’antisportivo a White, sono i due liberi di Ejim a ridare la parità al 33’ (71-71), con un’invenzione di Haynes da distanza siderale per il +3 orogranata al 33’30” (71-74). L’Umana Reyer mantiene il vantaggio per oltre 2’, con ancora Peric protagonista in attacco. La Fiat impatta a quota 78 al 36’, punteggio che rimane a lungo sul tabellone del Pala Ruffini, per una serie di errori su entrambi i fronti, fino alla tripla di Mazzola dell’81-78 al 37’30”, che spinge De Raffaele a chiamare time out. Gli orogranata tornano a segnare con il sottomano di Filloy al 38’, poi un recupero difensivo di squadra permette a Peric di trovare il tiro del nuovo sorpasso: 81-82 al 38’30”. Nel finale prevale l’agonismo sulla precisione: a -41” la freccia concede palla a Torino con 2” per il tiro su un recupero di Ejim. Vitucci chiama time out e Washington trova una incredibile tripla sulla sirena, convalidata dopo il ricorso all’instant replay. Dopo il nuovo time out, Ejim subisce fallo a -28” e fa 2/2 dalla lunetta: 84-84. Torino congela con Wright la palla nell’ultimo possesso, ma sulla penetrazione guadagna solo una rimessa con 2” sul cronometro dell’azione. La rimessa di Poeta è nelle mani di Peric che fornice un assist in contropiede a Ejim, stoppato da Wilson: gli arbitri giudicano la stoppata regolare ed è supplementare.

Nell’extratime, dopo una serie di errori, White sblocca il punteggio al 41’30” (86-84) e si ripete a -1’50” (88-84) con l’Umana Reyer stanca che si affida con poca precisione (0/6) a tiri da fuori. Gli orogranata si sbloccano con un tap-in di Peric a -1’42” (88-86). Ancora 2/2 di White dalla lunetta a -1’21” poi gioco da tre punti, ancora in tap-in, di Peric a -1’02” (90-89) e, sul seguente recupero difensivo, Haynes inventa una tripla da otto metri: 90-92 a -27”. Nuovo time out per Torino, Ejim stoppa la penetrazione di Poeta, poi subisce fallo sull’errore di Washington, ma fa 1/2 dalla lunetta a -10”, dando l’opportunità a Torino di provarci due volte da tre, anche se il canestro non arriva e l’Umana Reyer vince 90-93.

Fiat Torino-Umana Reyer Venezia 90-93 DTS
Parziali: 24-15; 44-44; 67-65; 84-84

Fiat: Wilson 7, Harvey 12, Wright 7, White 23, Parente ne, Alibegovic, Poeta 12, Washington 22, Okeke ne, Fall ne, Mazzola 7, Vitale ne. All. Vitucci.
Umana Reyer: Haynes 15, Ejim 12, Peric 23, Bramos 5, Tonut ne, Visconti ne, Filloy 12, Ress, Ortner 6, Viggiano 11, McGee 9. All. De Raffaele.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento