menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il grande rugby a San Donà di Piave: venerdì l'incontro Italia-Inghilterra del 6 Nazioni U20

La gara allo stadio "Mario e Romolo Pacifici" dalle 19.10: "Sarà un avversario ostico, ma abbiamo esplorato i nostri limiti. Siamo ambiziosi e scenderemo in campo per dare il meglio"

Una delle partite più attese, e un'occasione di quelle importanti: si svolge a San Donà la gara Italia-Inghilterra, partita valida per il torneo Rbs 6 Nations 2016 di categoria under 20. L'evento venerdì 12 febbraio con kick off alle 19.10 nello stadio “Mario e Romolo Pacifici”. In sede di conferenza stampa sono intervenuti il responsabile marketing Italia del gruppo Igd Fabrizio Cremonini, il sindaco Andrea Cereser e l’assessore allo Sport Luigi Trevisiol, il presidente del Rugby San Donà Alberto Marusso, lo staff tecnico della Nazionale Italia U20 rappresentato dagli allenatori Alessandro Troncon e Andrea Moretti e il team manager Claudio Appiani e il capitano della squadra azzurra Davide Fragnito.

Da Cremonini arriva un ringraziamento alle istituzioni e ai presenti, sottolineando la vicinanza dei valori del gruppo Igd e del Centro Piave con quelli del mondo del rugby. "Il centro commerciale - queste le parole del responsabile marketing per l’Italia - è diventato oggi un luogo di aggregazione e ritrovo e ha bisogno di trasmettere valori e messaggi positivi alle persone che accoglie ogni giorno, con iniziative e attività di partnership come quella nata quest’anno con il Rugby San Donà, che esaltino valori come il sacrificio, l’educazione, lo stare insieme".

Sindaco e assessore allo sport si sono congratulati con i giovani giocatori della Nazionale per l’onore e l’onere di cui si fanno carico nell’indossare la maglia azzurra in una competizione di così alto livello. A loro un grosso in bocca al lupo da parte della città di San Donà di Piave. Il presidente Marusso si trova ad essere per la seconda volta presidente di una società che ha il gradito compito di ospitare uno dei tornei più prestigiosi al mondo. Ringraziando le istituzioni e la federazione per il supporto e la fiducia dimostrata, ha auspicato di poter essere anche quest’anno all’altezza di un evento internazionale come il 6 Nazioni e di poter regalare una nuova ed entusiasmante pagina di rugby a tutti gli appassionati. A questo si aggiunge l’orgoglio di poter vantare nella rosa convocata da Troncon tre giocatori biancocelesti, Damiano Borean, Marco Manfredi e Dario Schiabel, che dimostrano ogni giorno sul campo di essersi meritati il posto tra le fila azzurre.

Gli allenatori Alessandro Troncon e Andrea Moretti hanno, quindi, fatto il punto della situazione all’alba del primo incontro casalingo del torneo. “La partita persa con la Francia ci ha permesso di esplorare i limiti che abbiamo e che nell’incontro di venerdì contro l’Inghilterra intendiamo superare. Sappiamo che avremo di fronte un avversario ostico, che è pluricampione mondiale, e che ci darà del filo da torcere. È una realtà rugbystica più evoluta rispetto a quella italiana ma noi, dal canto nostro, siamo ambiziosi e scenderemo in campo per dare il meglio. Questa settimana abbiamo ricaricato le batterie, sia fisiche che mentali, ora siamo pronti”. Ed è quello che ha ribadito anche il neo capitano Davide Fragnito, per la prima volta a capo del team azzurro: “siamo un gruppo molto giovane, affiatato e che non vede l’ora di riscattarsi, questa volta in casa con tutta l’Italia in tribuna a sostenerci.” Infine, l’ultimo ringraziamento alle istituzioni è arrivato dal team manager della Nazionale Italiana, Claudio Appiani, “venire a San Donà è come sentirsi a casa e questo è merito di una grande società come il Rugby San Donà e delle istituzioni che, anche in momenti difficili, continuano a sostenerla.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento