Sabato, 19 Giugno 2021
Sport

Uno scudetto "lungo" 75 anni: la Reyer femminile è campione d'Italia

Le orogranata con la vittoria al Taliercio in gara 5 strappano il titolo al Famila Schio. L'ultimo trionfo nell'anno 1945-46

La Reyer entra nella leggenda: con la vittoria tutta al femminile per 72-58 contro il Famila, infatti, la società guidata da patron Brugnaro diventa la prima società italiana a vincere il Tricolore sia a livello maschile che a livello femminile. Un trofeo che per le ragazze mancava da ben 75 anni.

La sconfitta a Schio contro le campionesse in carica ma la consapevolezza di essere la squadra da battere: il team in rosa dell'Umana approccia gara 5 con la giusta forza e concentrazione: uan gara giocata intensamente in difesa e vinta anche grazie alle prestazioni di giocatrici quali Howard, 18 punti, e Pan e Carangelo con 15. La festa scudetto femminile potrebbe contagiare anche i colleghi maschi impegnati nel parquet di Sassari per i playoff.

Coach Ticchi conferma il roster (ancora fuori Anderson), ma cambia il quintetto, abbassandolo, con Pan per Petronyte insieme a Carangelo, Penna, Howard e Fagbenle. Proprio il centro inglese sblocca il punteggio, con poi sostanziale equilibrio per 4’ (7-9 Schio). Con la grande intensità difensiva, le orogranata riescono però a bloccare l’attacco avversario e arriva il parziale di 9-0 (firmato da Pan da 3, Carangelo, Petronyte e Fagbenle) per il 16-9 all’8’. Schio torna a segnare dopo oltre 5’, ma le due triple di Sottana, intervallate dal canestro di Howard, consentono alle ospiti di arrivare al primo intervallo con un solo possesso di ritardo: 18-15. L’Umana Reyer, però, continua a difendere forte e, dopo il botta e risposta Howard-Andrè del primo minuto, Schio è costretta a chiamare time out al 13’ sul 26-17. Con qualche errore di troppo dalla lunetta, le orogranata consentono al Famila di riavvicinarsi sul 27-21 al 15’30”, però coach Ticchi riesce a dare la scossa con il time out al 16’: le triple di Carangelo e Pan riscrivono il massimo vantaggio (35-23 al 18’30”), ulteriormente ritoccato dalla stessa Carangelo allo scadere, sempre da 3: 38-23.

L’intervallo non cambia l’inerzia, anzi. Dopo il botta e risposta iniziale, le orogranata allungano ulteriormente, fino al +20: 47-27 al 23’30” con la tripla di Howard. Schio prova a rispondere con un minibreak di 2-8 (49-35 al 26’), ma il divario torna subito ad allargarsi (54-35 al 27’30”) e si va all’ultimo intervallo sul 56-39. La Famila si gioca il tutto per tutto, riavvicinandosi prima sul 56-44 (31’30”), poi fino al 58-48 (33’). Ma è l’ultimo sussulto, perché l’Umana Reyer risistema le cose con l’8-0 per il 66-48 a metà quarto. Schio ha la forza di riavvcinarsi solo fino al 67-54 al 38’, poi Bestagno e Carangelo chiudono completamente i giochi, con spazio anche per Natali e Meldere e festa sul 72-58 per la mvp Pan, la capitana Bestagno e tutte le meravigliose ragazze orogranata.

Parziali: 18-15; 38-23; 56-39

Umana Reyer: Bestagno 3, Carangelo 15, Howard 18, Pan 15, Natali, Petronyte 5, Fagbenle 11, Meldere, Attura, Penna 5. All. Ticchi.
Famila: Keys 4, Mestdagh 16, Cinili 5, Gruda 8, De Pretto ne, Andrè 10, Dotto 2, Trimboli ne, Harmon 2, Sottana 11. All. Vincent.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uno scudetto "lungo" 75 anni: la Reyer femminile è campione d'Italia

VeneziaToday è in caricamento