menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Non ce n'è: la Reyer schianta Pesaro al Taliercio, Tonut sugli scudi

Grande prestazione nel confronto con Pesaro, mantenendo l’imbattibilità stagionale grazie al netto 97-62 finale

L’Umana Reyer completa nel migliore dei modi il primo Reyer Day stagionale: dopo le ragazze orogranata, anche la squadra di coach De Raffaele vince con una grande prestazione il confronto con Pesaro, mantenendo l’imbattibilità stagionale grazie al netto 97-62 finale.
Ancora fuori Washington, gli orogranata partono in quintetto con Haynes, Stone, Tonut, Daye e Vidmar.

Primo tempo

Polveri bagnate in avvio (sblocca Stone all’1’30”), con l’Umana Reyer che difende forte ed è la prima ad allungare con il time out pesarese al 4’30” sull’8-4 (ma 14-0 di valutazione). L’inerzia non cambia, con Haynes e compagni che continuano a difendere forte, pur senza spendere falli (il primo, di Bramos, arriva dopo 6′) e si scalda anche la mano, con le triple di Stone, Tonut (decisamente ispirato fin dalle prime battute) e Bramos (due volte), così è 25-8 all’8’30” e 27-9 al primo intervallo sull’incredibile canestro di Watt sulla sirena. Pesaro prova a limare in avvio di secondo quarto (27-14 all’11’), ma è solo una parentesi, perché due triple di fila di Giuri ricacciano indietro la VL, costretta al secondo time out al 12′ sul 35-16, quando la statistica più significativa è quella del numero degli assist (già 11 per gli orogranata). Al rientro in campo si vedono anche Cerella e Biligha, ultimi a toccare il parquet tra i dodici a referto, e sono subito coinvolti in una squadra che riparte dal gioco da tre punti di Watt con movimento da guardia (38-19 al 13′). Biligha recupera palla e dà il là a Tonut per il 42-21 prima di metà quarto, poi il centro sigla in prima persona i canestri del 46-24 al 17′. L’Umana Reyer doppia addirittura sul +26 (52-26) Pesaro al 19’30” con la tripla di Haynes, poi Artis manda le squadre negli spogliatoi sul 52-28 (75-18 di valutazione!).

Secondo tempo

L’Umana Reyer mette le cose subito in chiaro a inizio ripresa, ripresentandosi in campo con il canestro di Vidmar e la tripla di Daye (57-28 al 21′). Il +30 arriva sull’ennesima tripla di Bramos (62-32 al 23′), poi è +23 con Haynes da 3 e Daye (67-34 al 24’30”). Pesaro prova a fermare l’emorragia con il time out, ma il risultato è limitato (67-40 al 26’30”). Coach De Raffaele chiama a sua volta time out sul 70-40 al 28′, rientrando in campo con un quintetto tutto italiano, che sigla un parziale di 10-0 (triple di Tonut e De Nicolao, canestro e recupero di Biligha, concretizzato da Giuri). All’ultimo intervallo si va così sull’80-42. Il quintetto tricolore veneziano continua ad esprimersi al meglio (84-42 di Mazzola ai liberi al 31’30”) in un match in cui l’Umana Reyer mantiene sempre alta la concetrazione. Pesaro ha un piccolo sussulto d’orgoglio (88-53 a metà periodo), poi gli orogranata riallungano. sul 97-58 al 38’30”. Gli ultimi due canestri sono pesaresi e finisce così 97-62.

Parziali: 27-9; 52-28; 80-42

Umana Reyer: Haynes 9, Stone 5, Bramos 9, Tonut 22, Daye 9, De Nicolao 5, Vidmar 4, Biligha 9, Giuri 13, Mazzola 5, Cerella, Watt 7. All. De Raffaele.
Pesaro: Blackmon 7, McCree 14, Artis 8, Murray 13, Conti, Giunta ne, Centis ne, Ancellotti 8, Monaldi 5, Shashkov 2, Zanotti ne, Mokevicius 5. All. Galli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento