Reyer, si parte. Tonut: «Spero che per le squadre inizi stagione regolare». De Raffaele: «Rischio infortuni»

Il coach focalizza la sua attenzione sulla poca preparazione a disposizione che potranno condizionare la poca forma dei suoi. Entrambi auspicano un ritorno del pubblico

La Reyer è ai blocchi di partenza: la stagione riparte in queste ore e c'è tanta voglia da parte di giocatori, addetti ai lavori, staff e società di ripartire dopo lo stop dei mesi scorsi.

Tonut: «Cominciare quanto prima»

Una nuova stagione che ripartirà all'insegna dell'incertezza nonostante la voglia di tornare ad una sorta di normalità sia molto forte. Stefano Tonut, in particolare, parte molto carico: «Domani iniziamo ad allenarci, non vediamo l'ora di ricominciare, stare con il gruppo. Siamo fermi da tanto. E' chiaro che vorremmo inziare intanto noi squadre: certo senza pubblico non mi piace giocare ma quello che auspico è che si torni a una certa normalità almeno per noi atleti e ovviamente che si torni a farlo con il pubblico. E' tutta un'altra storia». Un focus sulla sesta stagione è inevitabile: «Non capita tutti i giorni che una società punti su di te per quattro, cinque, sei anni. Per me non è certo un peso è un onore ed è importante essere un esempio per la squadra e per i nuovi arrivi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Mi preoccupa la tenuta fisica»

Dal canto suo coach De Raffaele resta preoccupato per quella che è la preparazione, inevitabilmente prolungata: «Non mi preoccupo per la squadra a livello mentale, perchè sono ovviamente carichi così come è carica tutta la società il cui lavoro in questi mesi di pandemia è statto egregio: non a caso oggi mentre altri hanno problemi con protocolli vari noi disponiamo di praticamente tutta la squadra. Un vantaggio sicuramente. Mi preoccupo un po' per la preparazione fisica: è chiaro che il rischio di infortuni per il poco tempo di preparazione è altissimo. Penso alla Supercoppa: una parte sarà inevitabilmente la parte finale della preparazione. Comunque è chiaro che dovremmo vivere una nuova normalità, sono curioso di vedere come verrà gestita la competizione europea, con il tour dentro e fuori dall'Italia. Sarà una gestione dura ma noi proveremo a a dare il massimo. Ho ancora l'amaro in bocca per come è finita l'Eurocup: ad ogni modo ripartiamo, spero con il pubblico visto che noi facciamo spettacolo, aadeguandoci a quello che sarà deciso».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento