menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tonut durante il match (foto: Ottavia Da Re)

Tonut durante il match (foto: Ottavia Da Re)

Contro lo Zielona finisce il sogno orogranata: addio Eurocup, passano i polacchi e i russi

Al Taliercio termina con una sconfitta l'avventura in coppa dei ragazzi di coach Recalcati che comunque per buona parte del match tengono testa alla più quotata squadra straniera, prima di chiudere 58-68 l'ultima giornata delle Last32

Finisce senza bisogno di aspettare il risultato di Ludwisburg (con la vittoria dei tedeschi che avrebbe in ogni caso vanificato un successo orogranata) la bella avventura dell’Umana Reyer in Eurocup. Gli orogranata, nonostante assenze e problemi fisici, se la giocano comunque a lungo alla pari con i quotati polacchi dello Zielona Gora, che, con il successo al Taliercio, passano il turno assieme ai russi dello Zenit San Pietroburgo.

Prima dell’inizio, il pubblico saluta con una standing ovation il ritorno al Taliercio dell’ex Szymon Szewczyk, che, come all’andata, non parte però in quintetto (nello starting five orogranata ci sono invece Ruzzier, Jackson, Bramos, Ress e Owens). Le squadre partono molto concentrate e precise in attacco, appoggiando il gioco nel pitturato, con un bel duello tra Owens e Borovniak, anche se sono due triple di Ress, dopo 2’10” a dare il 10-5 all’Umana Reyer. La risposta ospite arriva ugualmente da oltre l’arco, con Bost e Mateusz Pontitka, che dà addirittura il +3 con il canestro del 10-13 a metà quarto. Nonostante buone scelte di tiro, per 4’14” gli orogranata nel frattempo si bloccano in attacco, con Savovic che torna a muovere il punteggio al 6’24” (12-13), verso un finale di quarto in cui solo la tripla di Bost a 19” dall’intervallo dà ai polacchi due possessi di vantaggio (18-22). La partita, comunque, resta apertissima, visto che, con attacchi ragionati e reattività in difesa l’Umana Reyer ritorna avanti, trascinata da Owens (14 punti all’intervallo lungo) sul 23-22 dell’11’42”. Con capitan Goss risparmiato in panchina per le non ottimali condizioni fisiche, Recalcati dà spazio anche al giovane Antelli già al 13′ e il gioco non ne risente, visto che Zielona Gora rimane a contatto solo grazie ai canestri pesanti, principale soluzione offensiva dei polacchi. E così si arriva all’intervallo lungo sul 33-34, tra sorpassi e controsorpassi, in un finale di periodo in cui entrambe le squadre perdono un po’ di lucidità offensiva e nessuna delle due riesce a mettere le mani sull’inerzia del match.

La ripresa si apre con un bel sottomano rovesciato di Ruzzier che ridà il +1 all’Umana Reyer (35-34), che attacca bene, anche se è imprecisa al tiro, e mantiene il vantaggio grazie all’intensità difensiva che impedisce agli ospiti di segnare per quasi 3′, fino al gioco da tre punti di Moldoveanu, a cui risponde Ress con una tripla che vale il 38-37 al 23′. E’ però l’ultimo vantaggio orogranata, visto che la difesa polacca si fa aggressiva (a volte anche oltre il limite…) e, nonostante il debutto nel match prima di un capitan Goss al servizio dei compagni e poi di Ortner, lo Zielona Gora arriva addirittura al +9 (45-54) a 48” dall’ultimo intervallo breve, con Goss, Ortner e Savovic che limano, a cavallo tra i due periodi, fino al -4 (50-54). Break a cui, grazie alla reattività sotto il canestro orogranata, i polacchi rispondono con un 8-0 non interrotto nemmeno dal time-out di Recalcati al 33’32” sul 50-59. Per rivedere un canestro orogranata, così, bisogna attendere fino al 34’46”, quando la tripla dall’angolo di Savovic vale il 53-62. Il clima, al Taliercio, si raffredda, soprattutto a causa delle notizie non positive provenienti dalla Germania, ma la squadra riesce in ogni caso a trovare un sussulto d’orgoglio, che le permette di riavvicinarsi fino al 57-62 del 37’14” che riaccende il pubblico, che tributa comunque alla fine l’applauso ai ragazzi orogranata.

Coach Recalcati a fine partita: "Dobbiamo essere contenti di quanto fatto".

Parziali: 18-22; 33-34; 48-54
Umana Reyer: Goss 5, Bramos, Tonut 3, Jackson 4, Ruzzier 5, Antelli, Owens 14, Ress 9, Ortner 1, Viggiano 2, Savovic 15. All. Recalcati.

Stelmet Zielona Gora: Bost 19, Szewczyk 2, Ponitka Mar. ne, Moldoveanu 8, Ponitka Mat. 12, Gruszecki, Hrycaniuk 5, Zamojski 10, Borovnjak 7, Djurisic 2, Koszarek 3. All. Filipovski.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento