rotate-mobile
Sport

Mazzon "l'artista" punta Cremona: "Gli allenatori sono come degli scultori"

Il coach orogranata non si fida della Vanoli Braga, soprattutto dopo il successo dei lombardi su Milano. Clark ancora in forse: "Se ci sarà anche solo una possibilità scenderà sul parquet"

Una battaglia. Domenica in quel di Cremona l'allenatore Andrea Mazzon sarà pronto a giocare di sciabola più che di fioretto. Ma la Reyer ha chiaro il punto dal quale partire: "Avremo bisogno di 40 minuti giocati come l'ultimo quarto contro la Virtus - spiega il coach orogranata - Quello di Cremona é un campo dove il pubblico è realmente presente, c'é grande passione e grande amore verso la squadra". E se la classifica per i lombardi non sorride, i nuovi innesti arrivati alla corte di Attilio Caja hanno conferito maggiore qualità al roster: "Hanno battuto Milano non certo per caso - continua Mazzon - Non dimentichiamoci poi che all'andata ci hanno messo in seria difficoltà al Palaverde".

L'Umana (da favorita) cercherà da subito di prendere in mano l'inerzia della partita: "Dobbiamo giocare sapendo esattamente quale sarà il nostro piano gara e rispettarlo il più possibile. Se non dovesse esserci KeeKee Clark (che ha subito una distorsione alla caviglia contro Bologna, ndr) vorrà dire che Meini e Tomassini dovranno fare qualcosa in piú del solito. In ogni caso stiamo provando di tutto per recuperare l'americano il prima possibile e se ci sará una sola possibilità di utilizzarlo scenderà in campo. Ma sarà così solo con il via libera dei medici".


L'obbligo è uno solo: "Giocare al massimo ogni attimo - spiega Mazzon - noi allenatori siamo un po' come degli scultori. Dobbiamo togliere 'cose' per arrivare all'opera finale. In questo senso noi dobbiamo eliminare più difetti possibile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mazzon "l'artista" punta Cremona: "Gli allenatori sono come degli scultori"

VeneziaToday è in caricamento