menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caserta perde con la Reyer e attacca gli arbitri: "Metro non omogeneo"

L'allenatore dei campani Pino Sacripanti non trattiene la delusione: "Pensavo di vincerla". Il coach orogranata Andrea Mazzon può sorridere: "Però dobbiamo migliorare i primi quarti"

La Otto Caserta recrimina, e ne ha ben donde, dopo la partita persa nel finale contro l'Umana Reyer al Palaverde di ieri sera. Nel mirino, secondo lo staff bianconero anche il metro di giudizio degli arbitri. Dal canto suo la squadra orogranata mette nel carniere due punti preziosissimi in ottica Final Eight, o comunque per raggiungere una salvezza tranquilla.

"Un'altra vittoria importantissima perchè le partite che si giocano in casa saranno sempre più tirate - commento l'allenatore veneziano Andrea Mazzon - abbiamo avuto un ottimo momento in cui siamo andati a +8 ma sono stati bravi loro a tornare in carreggiata. Ottimo lavoro dei nostri piccoli, Bowers ha fatto fatica per i noti problemi ma tutti gli altri hanno fatto benissimo. Questa è una cosa importante. Chiaro che con altri giocatori abbiamo fatto fatica ma vanno anche riconosciute le qualità e i meriti degli avversari. Quando hanno giocato con i due lunghi più Doornekamp da tre abbiamo subito la loro fisicità - spiega l'allenatore orogranata - ma ci poteva stare. Abbiamo fatto solo 11 palle perse e questo è un altro passo in avanti. Giocare ogni tre giorni non è facile ma siamo stati bravi a ricaricarci. Un altro passo in avanti sarà evitare di fare fatica nel primo quarto".


Chi invece non trattiene la sua delusione è il coach casertano Pino Sacripanti: "Pensavo di vincere - commenta - è stata una partita durissima. Siamo stati solidi. Abbiamo perso per qualche tiro da 3 aperto non segnato e per uno da sotto. Non sono stato però contento del metro arbitrale. Non vuol dire che abbiamo perso la partita per loro ma secondo me non c'è stata omogeneità. Come non mi è piaciuto il tecnico dato a Mazzon perchè urla dietro a un suo giocatore. Dobbiamo fare il mea culpa per cose semplici che non ci sono venute - conclude l'allenatore - però abbiamo fatto una partita di solidità. Sono molto dispiaciuto, meritavamo qualcosa in più. Spero che la sfortuna si accanisca un pò meno su di noi con tutti gli infortuni che abbiamo avuto".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento