Il Venezia centra la salvezza: gara perfetta, segna tre gol al Grifo e resta in serie B

Un doppio Aramu e Capello regalano agli arancioneroverdi la permanenza nella serie cadetta. Nel finale Perugia in dieci

Importantissima gara quella del Venezia che contro il Perugia si gioca con grande spirito la salvezza regalando al suo pubblico una grandissima prestazione.

La partita

Già al 2' i lagunari vanno vicinissimi al gol: Aramu prova con il sinistro al volo, murato da Angella, poi sulla seconda conclusione di Fiordilino (deviato da un compagno) straordinario il riflesso di Vicario, che si rifugia in corner. Dopo una manciata di secondi, ancora pericoloso il Venezia: errore in fase di impostazione per Angella, la palla arriva a Longo che sfiora il palo dai 25 metri con un potente destro rasoterra. Al 22' il Venezia rischia: l'arbitro ravvisa un tocco con il braccio in area. Le proteste degli arancioneroverdi sortiscono effetto: in B non c'è il Var ma l'arbiro, forse aiutato con il quarto uomo in collegamento audio via auricolare, torna sui suoi passi e riconsegna il pallone al Venezia tra l'incredulità di Falcinelli e Angella che chiedono spiegazioni. Al 41' succede l'incredibile: l'arbitro fischia un altro rigore: questa volta confermato, questa volta per il Venezia. Cross dalla destra, Sgarbi la sfiora e la palla arriva a Maleh, che calcia la palla sul braccio (stavolta l'argo) di Mazzocchi che viene anche ammonito. Sul dischetto va Aramu che calcia forte e centrale e insacca. Nella ripresa il Perugia prova a graffiare ma al 6' il Venezia è bravo a raddoppiare. Al termine di una pericolosa incursione Ceccaroni brucia Falasco e rimette la palla in mezzo: Longo la sfiora solo, Aramu la centra e fa 2-0. Al 20' il Venezia trova addirittura il terzo gol: Capello porta palla senza opposizione fino al limite dell'area e poi con il sinistro spedisce la palla sotto l'incrocio più lontano. Gli avversari attaccano e trovano anche lo spunto per accorciare le distanze: è Sgarbi a trovare la rete. Nel finale espulso Angella per un brutto fallo su Longo. Un 3-1 secco che premia i veneti con una salvezza festeggiata da tutto il Penzo.

Venezia-Perugia 3-1

VENEZIA (4-3-1-2): Lezzerini; Lakicevic (15' st Fiordaliso), Modolo, Ceccaroni, Molinaro (35' pt Marino); Lollo (21' st Riccardi), Fiordilino (21' st Zuculini), Maleh (15' st Suciu); Aramu; Capello, Longo. All. Alessio Dionisi

PERUGIA (4-3-3): Vicario; Mazzocchi, Sgarbi, Angella, Falasco; Falzerano (22' st Capone), Carraro, Dragomir (37' Nicolussi Caviglia); Falcinelli (11' st Buonaiuto), Iemmello, Melchiorri. All. Massimo Oddo

ARBITRO: Francesco Forneau di Roma 1

MARCATORI: 42' pt (rig.) e 6' st Aramu (V), 20' st Capello (V), 24' st Sgarbi (P)

NOTE: Espulsi: al 40'st Angella (P) per gioco pericoloso. Ammoniti: Lakicevic, Longo (C); Mazzocchi, Capone (P)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento