Lunedì, 14 Giugno 2021
Sport

Buona Reyer contro la Virtus, a Roma finisce 71-89: è terzo posto solitario

Gli orogranata riescono a portarsi a casa una vittoria contro i giallorossi

Nonostante i numerosi problemi fisici e la stanchezza per la trasferta in Russia, l’Umana Reyer riesce a far valere la maggior qualità nella sfida al PalaEur con la Virtus Roma e porta a casa la terza vittoria in altrettante trasferte. Con il 71-89 finale, Bramos e compagni conquistano così il terzo posto solitario in classifica.

Primo tempo

Senza Watt e Mazzola e con Possamai al debutto in Serie A, l’inedito starting five vede in campo De Nicolao, Tonut, Bramos, Cerella e Fotu. Gli orogranata appoggiano il gioco sul centro, che si presenta con un 2+1, poi è Tonut a trascinare la squadra sul 4-8 al 3’30”. Baldasso è invece il protagonista del sorpasso romano sul 9-8 prima di metà quarto, in un match che rimane in equilibrio fino al 13-13 del 6’30”. A questo punto, però, l’Umana Reyer alza l’intensità difensiva, con numerosi palloni recuperati, e allunga con Vidmar, Bramos, Daye e Tonut sul 13-22 all’8’. Il time out dei padroni di casa non interrompe l’inerzia, con Chappell autore della tripla del massimo vantaggio (15-28) al primo intervallo. Gli orogranata abbassano leggermente l’intensità alla ripresa del gioco, trovando solo un libero di Vidmar e un canestro di Daye nel parziale Virtus sul quale coach De Raffaele chiama time out al 13’ prima dei liberi di Wilson del 25-31. Si ripresenta però in campo Fotu con due canestri consecutivi, così è stavolta Roma costretta a chiamare subito time out, con Chappell (27-28) e De Nicolao (28-40) che riallargano il divario a cavallo di metà quarto. Bramos risponde a Campogrande dall’arco e si conferma in ottima serata in attacco, così come Fotu, in un momento in cui Roma prova a ricucire con le triple (43-49 al 19’30”). Ed è proprio una tripla del capitano a chiudere il primo tempo sul 43-52.

Secondo tempo

Si abbassano i ritmi nel terzo quarto, con l’Umana Reyer comunque in pieno controllo. Fotu per gli orogranata e Campogrande (4/6 da 3) per Roma sono i protagonisti nell’avvio di periodo, in cui il margine tra le due squadre si mantiene tra i 10 e gli 8 punti. Prima De Nicolao (46-58 al 23’) e poi Tonut (48-60 al 23’30”) allungano sul +12. La Virtus, nonostante il quarto fallo di Wilson, ha una piccola reazione d’orgoglio (52-60 a metà quarto), ma poi l’Umana Reyer riprende in mano l’inerzia, con Roma che perde numerosi palloni (13), così Fotu, Vidmar e Chappell che riscrivono il massimo vantaggio veneziano sul 52-66 al 28’, che diventa 53-66 all’ultimo intervallo. Le squadre attaccano il ferro e portano a casa falli nei primi attacchi del quarto periodo (l’Umana Reyer spende il bonus dopo meno di 2’30”), con Roma che prova a cavalcare Hunt, ma vede due volte Daye riscrivere il massimo vantaggio con altrettante triple, fino al 59-76 al 32’30”. Anche i padroni di casa arrivano al bonus in meno di 4’, con Vidmar che trasforma i due liberi del 61-80 al 34’. A risultato ormai virtualmente acquisito, le squadre iniziano a mostrare anche un po’ di stanchezza. Roma prova a rendere meno pesante la sconfitta e coach De Raffaele decide di chiamare time out prima dei liberi di Baldasso per il 65-80 al 36’. Ormai, però, è pieno garbage time: Fotu torna a muovere il punteggio orogranata dopo oltre 3’ (65-82 al 37’), Bramos mette la tripla del 67-85 al 38’30”, prima del debutto in serie A di Luca Possamai e i canestri di D’Ercole e Tonut per il 69-89, che diventa 71-89 sul canestro finale di Wilson.

Parziali: 15-28; 43-52; 53-66

Roma: Hadzic, Biordi 1, Beane 3, Campogrande 18, Baldasso 16, Cervi 4, Hunt 14, Robinson ne, Farley, Nizza ne, Wilson 15. All. Bucchi.

Umana Reyer: Casarin, Stone, Bramos 17, Tonut 15, Daye 10, De Nicolao 4, Vidmar 10, Chappell 9, D’Ercole 2, Cerella 3, Possamai, Fotu 19. All. De Raffaele.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buona Reyer contro la Virtus, a Roma finisce 71-89: è terzo posto solitario

VeneziaToday è in caricamento