Vivicittà 2017

Un successo la corsa della Uisp partita da Forte Marghera domenica 9 aprile

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Riceviamo e pubblichiamo:

"Un'altra edizione dei record. Dopo lo scorso anno ecco che Vivicittà 2017, favorita dalla bella giornata di sole e con una temperatura ideale, domenica 9 aprile varca soglia 800 partecipanti e sancisce la sua costante crescita in termini di partecipazione. Partecipazione che va abbinata al successo generale della corsa targata Uisp con oltre 42 città coinvolte e 11 paesi esteri che hanno dato la loro adesione per un totale nazionale di oltre 65.000 corridori Un Forte Marghera gremito di 840 podisti alla partenza ha fatto da cornice a una manifestazione fortemente caratterizzata dall'impegno ambientale tra le altre con la piantumazione di alberi autoctoni per compensare il consumo di Co2, e l'utilizzo di materiali ecocompatibili per ristoro e rinfresco finale.

Al termine delle due corse di 6 e 12 chilometri, all'interno del Forte grazie alla collaborazione della voce conosciutissima di Steve Giants, si è provveduto alla premiazione dei migliori con i primi due arrivati sulla distanza maggiore, Filippo Barizza per gli uomini e Melania Pollej per le donne, e delle varie categorie. Tra i gruppi molteplice la partecipazione di Essetre Running, Arte e Fitness, gli Amici del Parco e Sport&Wellness.

Un successo dovuto anche alla collaborazione di varie realtà istituzionali dal Settore Forestale della Regione Veneto, area Est, alla Municipalità di Mestre Carpenedo, dalla Città di Venezia, all'Istituzione Bosco e Grandi Parchi, dall'Actv alla Veritas. E alla proficua partnership con Essetresport negozio, Diadora, Coopa Alleanza 3.0, Lpm Spa, Phyto Garda, Centro di Medicina di Mestre, Gioielli Leonardo Venezia, Broggio Elettronica - Mestre, Centro Trigonos l'Originale, BRG Farmaceutica, Virgin Active - VeneziaMestre. Parte del ricavato è stata devoluta ad Avapo (Associazione Volontari Assistenza Pazienti Oncologici) e Amnesty International."

Torna su
VeneziaToday è in caricamento