Volley A3, dopo la prima di campionato il Team Club San Donà cerca riscatto a Bolzano

Sabato 24 ottobre i ragazzi di coach Rossano Bertocco saranno impegnati in trasferta

Si prepara la seconda di campionato in casa Volley Team Club, per la Serie A3 maschile. Sabato 24 ottobre i sandonatesi guidati da coach Rossano Bertocco saranno in trasferta a Bolzano, dove cercheranno il riscatto dopo la prima sconfitta casalinga contro l’esperto Motta di Livenza.

«Dopo la prima partita ufficiale i ragazzi hanno capito bene il livello delle squadre che abbiamo davanti – spiega Bertocco –, ed è importante perché prima c’era una grossa incognita, ora c’è la consapevolezza sul lavoro che dobbiamo fare. La squadra poi l’ha presa con lo spirito giusto: quello di essere motivata a migliorare e impegnarsi sempre di più».

L’appuntamento di sabato è dunque contro Mosca Bruno Bolzano, squadra ancora ferma ai box. La loro partita inaugurale contro Prata di Pordenone, infatti, era stata rinviata a causa di alcuni casi di contagio da Covid nella compagine pordenonese. Bertocco ha già comunque le idee chiare sulla sfida alla quale la squadra va in contro. «Bolzano arriva da tre allenamenti congiunti con Trento, dove ha portato a casa 2 pareggi e una vittoria per 5-0. È una squadra con attaccanti e palleggiatori di buona levatura. Non sottovaluteremo nessuno e daremo il 100%».

In vista della seconda sfida di campionato, la squadra ha lavorato ancora più intensamente sui punti critici emersi domenica contro Motta: «le due situazioni dove sappiamo essere più carenti sono la ricezione e l’attacco. Dobbiamo abituarci velocemente a quello che è il sistema di battuta dei giocatori di A3, che è di alto livello. Di conseguenza il nostro attaccare contro un muro decisamente superiore a quello della media dei nostri allenamenti, fa sì che anche i nostri allenamenti stessi siano momenti di esperienza importante per i nostri attaccanti. Per sabato vorrei senz’altro che dicessimo la nostra. Anche nella fatica dobbiamo lottare per il risultato e non solo lottare per la crescita. In ambito competitivo, e a questi livelli soprattutto, dobbiamo andare in campo con il desiderio e la volontà di vincere. Poi sicuramente troveremo di fronte squadre che ci metteranno in difficoltà o che si meriteranno la vittoria. Ai ragazzi, però, dico sempre che ci sono squadre che sulla carta devono vincere. Per l’esperienza, per la formazione. Noi invece dobbiamo andare in campo non con l’atteggiamento di dover vincere, ma di voler vincere. È una differenza importantissima, perché da una parte ci dà lo spirito corretto per affrontare le difficoltà, e dall’altra innescare quella voglia che deve essere dentro ciascun componente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento