menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scoppia la lite, lui entra e minaccia gli inquilini con la pistola

Un cittadino russo lunedì è stato denunciato dalla polizia. Possibile volesse riscuotere il dovuto "aiutandosi" con un'arma finta a Mestre

Ha deciso che le vie diplomatiche non si sarebbero dimostrate poi così utili, meglio optare per qualcosa di più incisivo. Per questo motivo ha raggiunto l'abitazione in cui si trovavano tre cittadini di nazionalità nigeriana e, al  culmine dell'ennesima lite, ha estratto la pistola, intimando loro di consegnare i soldi. Non si tratterebbe di una rapina vera e propria, bensì forse del "disperato" tentativo di un rappresentante della società che gestisce l'immobile (una cooperativa sociale) di chiarire la situazione in fatto di affitto.

Evidentemente gli altri tentativi avevano fatto un buco nell'acqua e il "riscossore" aveva deciso di ottenere il dovuto in altro modo. Rendendosi ben più chiaro (e minaccioso) grazie a quell'arma fasulla, cui era stato tolto il tappo rosso. Non avrebbe potuto combinare guai con quel "ferro", fatto sta che all'inizio il russo deve avere intimorito non poco i tre nigeriani che hanno ricevuto la visita inattesa. Sul posto è intervenuto quindi il 113, per la segnalazione di una lite in casa. Il rappresentante della coop è stato bloccato dagli agenti: ha subito spiegato perché si trovava lì e quali erano i suoi obiettivi. Alla fine, però, il piano non è andato a buon fine: gli eventuali soldi non li ha riscossi e in più si è trovato anche con una denuncia. La pistola finta naturalmente è stata sequestrata. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento