menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Circondato da 15 pusher che volevano vendermi droga, istituzioni intervenite"

Denuncia di F.B., 39enne che lunedì sera ha parcheggiato in via Monte San Michele a Mestre: "Battevano sui finestrini e non avevo vie di fuga. E se ci fosse stato mio figlio?"

"In un attimo sono stato circondato da una quindicina di loro, pensavano volessi la droga. Mi mostravano bustine battendo sui vetri dell'auto". La testimonianza è di F.B., padre separato che spesso e sovente frequenta via Monte San Michele a Mestre per andare a prendere il figlio nell'appartamento dove abita la madre. Ha chiesto di non essere nominato per evitare ritorsioni.

L'ultimo episodio che ha visto il 39enne suo malgrado protagonista si è verificato verso le 23.30 di lunedì e ha indotto il padre a rivolgersi apertamente a sindaco, questore e prefetto per indurli a intervenire. "Chiedo al primo cittadino di fare meno 'passeggiate' ma di venire con me la sera, da soli - scrive - se vuole con un paio di telecamere nascoste. Così si renderebbe conto della situazione. Chiedo al prefetto di rafforzare i pattugliamenti anche dell'esercito e avverto il questore che quando chiami la polizia la risposta è sempre la stessa, 'manderemo una pattuglia'. Come se questi personaggi fossero così stupidi da rimanere lì fino a quando non arriva la pattuglia a sirene spiegate". 

Nel caso specifico F.B., secondo il suo racconto, è dovuto tornare in via Monte San Michele perché aveva dimenticato in auto le racchette del figlio: "Il giorno dopo aveva allenamento - racconta - quindi sono dovuto tornare. Arrivato in via Monte San Michele vedo tutti i parcheggi liberi proprio davanti casa e, nel momento in cui accosto, arrivano da tutti i lati circa 15 persone di colore. Vi lascio immaginare la paura, nonostante io sia un uomo grande e grosso, nel vedersi circondato e bloccato da queste persone senza via di fuga. E se ci fosse stato anche mio figlio? E se la mia ex compagna tornasse la sera a casa da sola? Volevano attirare la mia attenzione per accaparrarsi il 'cliente'. Solo quando ho preso il telefono e ho chiamato il 112 hanno capito e si sono immediatamente allontanati. E se io avessi deciso di fare delle foto e si fossero accorti? Lo sapete vero che hanno tutti i coltelli nascosti? Sì, lo sapete perché agli atti ci sono innumerevoli risse in quel punto durante le quali sono stati trovati oggetti da taglio. Queste persone sono furbe e non hanno paura né di un articolo di giornale, né del sistema giudiziario italiano. Che li giudica per direttissima ma li lascia subito liberi. Per loro è un paese dei balocchi. Fate qualcosa - conclude - perché siete lì apposta. Questo è l'episodio più eclatante, ma queste persone spacciano ogni giorno alla luce del sole". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento