Mestre Mestre Centro / Piazzale Bainsizza

Al via le Agorà Democratiche a Mestre

Domani alle 18.30 in piazzale Bainsizza il primo appuntamento dal titolo “Salario Minimo e coesione sociale”, nell'ambito di un progetto di partecipazione democratica che si lega ai 100 Tavoli costruiti dal PD comunale nel 2019

Sono iniziate il primo settembre le Agorà Democratiche, un inedito percorso di democrazia partecipativa che impegnerà il Partito Democratico fino a fine anno. Domani 13 settembre alle 18.30 si svolgerà a Mestre, nello spazio all'aperto della sede di piazzale Bainsizza 6, il primo appuntamento della provincia di Venezia dal titolo “Salario Minimo e coesione sociale”. L'incontro è organizzato dai circoli PD della terraferma e il tema proposto è stato scelto per costruire proposte in un momento storico che ha amplificato fratture e diseguaglianze sociali, mettendo in discussione il futuro di molte lavoratrici e lavoratori.

«Abbiamo bisogno della partecipazione di tutti per rinnovarci e dare forza alle nostre proposte. Salute, salario minimo, tempo pieno per tutti, sostenibilità: sono questi i nostri impegni e con le Agorà chiediamo ai cittadini di dirci la loro», spiega Lia Quartapelle, commissaria del PD metropolitano e deputata. «Sono felice che il progetto delle Agorà nell’area metropolitana inizi con l’incontro di Mestre. Si tratta di un grande esercizio di partecipazione democratica che si lega idealmente al progetto dei 100 Tavoli che abbiamo costruito come PD comunale nel 2019. Vogliamo coinvolgere i nostri iscritti, i simpatizzanti, tutte le persone che si riconoscono nel centrosinistra, e permettere a ciascuno di incidere sulle scelte del Partito Democratico», afferma Giorgio Dodi, segretario comunale di Venezia.

L'iniziativa, rivolta a tutti gli elettori di centrosinistra, prevede la registrazione alla piattaforma agorademocratiche. it dove si potranno trovare tutte le Agorà in programma, che saranno in presenza, online o in forma ibrida, e che ogni utente potrà sostenere e commentare. Gli unici prerequisiti sono sottoscrivere la Carta dei Valori e donare almeno un euro. Ogni incontro porterà alla stesura di un documento di sintesi che verrà poi caricato sulla piattaforma digitale delle Agorà e messo a disposizione della comunità di utenti che potrà continuare a interagire e esprimere il proprio gradimento, fino alla fase finale che si terrà a inizio 2022, quando il Partito Democratico si impegnerà a fare proprie, tramite disegni di legge o inserimento nel proprio programma, le proposte maggiormente condivise.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via le Agorà Democratiche a Mestre

VeneziaToday è in caricamento