menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Non mi riconosci?", e l'abbraccia. Anziana rapinata dell'orologio

Il colpo giovedì mattina a Favaro Veneto. Una donna dell'Est ha avvicinato una 80enne per poi derubarla. Fuga a bordo di un'auto

Si avvicina con fare gentile. Il sorriso stampato in faccia e i modi rassicuranti di chi ha imparato a carpire la fiducia della gente per poi approfittarne. Disavventura per un'anziana sugli ottant'anni giovedì mattina mentre stava camminando per via Croda Alta, a Favaro Veneto. A un certo punto, verso mezzogiorno e mezzo, il suo tragitto è stato interrotto da una signora ben vestita. Di mezza età, con i capelli mori raccolti in una coda di cavallo.

"Ciao, ti ricordi di me?", queste più o meno le parole che la donna deve avere usato nei confronti dell'anziana, che non ha avuto nemmeno il tempo forse di capire cosa stesse accadendo. La sua interlocutrice, infatti, l'ha subito abbracciata con trasporto. Simulando un entusiasmo quantomeno sospetto per la natura di quell'incontro che pareva del tutto fortuito. La verità è saltata fuori poco più tardi, quando l'estranea ha fatto dietrofront ed è fuggita dopo aver strappato dal polso alla ottantenne l'orologio che indossava, lasciandola di sasso.

La delinquente ha quindi raggiunto un'auto bianca che attendeva poco distante, con a bordo due uomini. Non appena la donna ha aperto la portiera e si è posizionata sul sedile, la combriccola si è allontanata facendo perdere le proprie tracce. La signora aveva parlato con accento dell'Est Europa e indossava una maglietta di colore blu. Alla derubata non è rimasto altro che lanciare l'allarme, sul posto sono intervenute le volanti della polizia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento