menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anziana si trova i ladri in giardino, inseguimento tra guardie e ladri

La polizia sabato pomeriggio ha arrestato un 23enne albanese che con un complice stava per penetrare nella villetta di una 84enne a Favaro

Sente degli strani rumori provenire dal giardino della sua abitazione mentre sta preparando la cena. Il sospetto l'induce a controllare fuori dalla finestra, trovandosi davanti i ladri. Un'anziana di 84 anni, residente nella zona di Favaro Veneto, non si è però persa d'animo e ha subito chiamato il 113, permettendo alla polizia di arrestare uno dei due malintenzionati. Tutto è accaduto verso le 17.30, quando una coppia di delinquenti mette nel proprio mirino una villetta. Scavalcano la recinzione e si accingono a penetrare nell'abitazione. Fanno troppo rumore, però. Al punto da insospettire la proprietaria, che li sorprende mentre stanno dirigendosi di soppiatto verso il retro della villetta. Urla: "Andatevene o chiamo la polizia". Cosa che puntualmente accade. Uno dei ladri è incappucciato, l'altro sembrava a volto scoperto. L'anziana ha la lucidità per descrivere la fisionomia (anche se aveva visto ombre o poco più) dei malviventi e sul posto vengono inviate due volanti. 

All’arrivo dei poliziotti uno dei predoni si era già allontanato, mentre l’altro è stato visto scavalcare di corsa la recinzione del giardino di casa dell'anziana, per darsi alla fuga. Gli agenti a quel punto si sono lanciati in un inseguimento a piedi durato oltre dieci minuti. Scene da film. Guardie e ladri si mettono a scavalcare staccionate e recinzioni delle abitazioni del quartiere, finché il fuggitivo non è stato bloccato e immobilizzato, nonostante una breve colluttazione. Capendo di essere braccato, il ladro aveva cercato in tutti i modi di divincolarsi. 

Si tratta di un 23enne di nazionalità albanese con precedenti per ricettazione e violazione delle norme sull'immigrazione. Gli agenti hanno sequestrato anche un cacciavite lungo 40 centimetri che il delinquente aveva perso durante la corsa a perdifiato, utilizzato con ogni probabilità per forzare gli infissi delle case finite nel mirino. Per il giovane, dunque, inevitabile l'arresto per tentato furto e una denuncia per porto di oggetti atti a offendere. La direttissima è prevista per lunedì, nel frattempo il delinquente ha trascorso la notte nelle camere di sicurezza della questura. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento