menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'assessore Costalonga con i titolari della nuova tramezzineria in via Torino

L'assessore Costalonga con i titolari della nuova tramezzineria in via Torino

Dalle stanze d'albergo agli snack veneziani: «Ci siamo reinventati per noi e la città»

Luca e i soci titolari di 2 hotel in corso del Popolo. Martedì hanno inaugurato una nuova tramezzineria. «Necessità e coraggio, abbiamo gli alberghi fermi. Ora diamo un servizio ai veneziani per ripartire»

Titolari di 2 hotel in corso del Popolo a Mestre, Luca e i soci non avevano mai pensato prima di doversi dedicare ad altre attività. Ma il Covid non ha risparmiato i loro alberghi, rimasti deserti a due passi da una città quasi completamente turistica. «Per necessità e per coraggio ci siamo reinventati - ha raccontato Luca, che ha inaugurato ieri, martedì 16 febbraio, la nuova tramezzineria di via Torino 1 -. Ora possiamo essere più vicini alla città e dare un servizio a chi lavora, studia e risiede qui. È il momento di credere che usciremo da questa guerra economica che ci ha colpito». 

Luca ha assunto due collaboratori: uno snackista e un banconiere, e assieme a lui c'è un altro ex socio in questa nuova avventura, tutti sui 40-45 anni. «Prenderemo il meglio della tradizione veneziana sperimentando ingredienti e associazioni originali. In zona ci sono abitazioni, uffici, c'è il parcheggio del supermercato per chi arriva in macchina, e all'incrocio con viale Ancona c'è l'Università: la clientela è mista e cercheremo di proporre delle varianti come il "tramezzino caldo", molto in voga nel padovano. Diversificheremo: proposte pratiche e ricercate allo stesso tempo, puntando sull'asporto e le consegne a domicilio». Dalle 9 alle 18 di ogni giorno per ora, fino a nuove disposizioni sulle aperture degli esercizi pubblici. «È uno street food, alla fine. Se lo facciamo bene ci tireremo su. Il coraggio non ci manca, crediamo in noi, nella città e nel futuro», dice Luca, che all'apertura ha voluto come ospite l'assessore alle Attività produttive, Sebastiano Costalonga.

«Segnali come questo sono importanti per la nostra città - ha detto -. Con grande soddisfazione sono stato presente a questa nuova apertura, espressione di una volontà laboriosa che è una risorsa, come la voglia di spaccare l’attuale difficile momento storico e di scommettere nel futuro. Il Comune sta seguendo le attuali difficoltà lavorative, cercando nell’iniziativa politica risposte alla richiesta di risorse economiche che ancora si dimostrano esigue. Bisogna riconsiderare le forme di ristoro, fornendo sostegni concreti alle aziende che si trovano in difficoltà, così che possano mantenersi in marcia per la ripresa comune. Chiudo con un elogio a queste nuove luci accese e ai lavoratori che vi operano. Dove c’è la luce, lì si trova anche l’ombra de un bon calice de vin».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento