menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nel bazar della cocaina, una stanza dedicata per i clienti: 70enne arrestato a Mestre

Operazione dei carabinieri e della polizia locale in zona via Piave, vicino alla stazione. Le indagini partite dal viavai di gente hanno portato a individuare una centrale di spaccio

Un appartamento allestito e organizzato per consumare cocaina direttamente sul posto: i carabinieri del Norm e la polizia locale di Venezia ci hanno trovato piatti pieni di polvere bianca, cannucce, bicchieri, tessere per sminuzzare e spandere la polvere, tovaglioli per pulirsi. Il blitz è avvenuto ieri, 12 gennaio, non distante dalla stazione di Mestre, nell'area di via Parini, tra via Cappuccina e corso del Popolo. Alla fine gli agenti hanno arrestato il pusher che gestiva la "centrale di spaccio", un uomo di origini calabresi, T.F., di 70 anni.

Gli investigatori stavano monitorando da giorni gli spostamenti dell'uomo e i suoi contatti con persone note alle forze di polizia. Una volta individuata l'abitazione è scattato il controllo: con un espediente gli agenti hanno bloccato lo spacciatore prima che potesse far sparire delle prove, fermando anche un cliente lungo le scale del condominio. Dopodiché hanno perquisito l'alloggio, trovando le tracce inequivocabili di una grossa attività di spaccio.

In camera da letto, in bella mostra sulle coperte, c'erano due involucri con una cinquantina di dosi di cocaina da un grammo ciascuna. Dall’armadio e dalle altre stanze, esplorati dai cani antidroga Lapo e Coco, sono saltate fuori diverse altre sostanze e attrezzature. Ma la sorpresa principale è emersa nell'ultima stanza, allestita appositamente per il consumo di cocaina degli ospiti in transito, arredata in modo spartano ma fornita di tutto il necessario.

In totale i carabinieri e il nucleo operativo - servizio sicurezza urbana della polizia locale hanno sequestrato circa mezzo etto di cocaina più mezzo chilo di sostanza da taglio e quasi 9mila euro in contanti, oltre a bilance, sacchetti, rotoli di carta stagnola e pellicola, cellulari per tenere i contatti. Il pusher è stato arrestato per possesso di droga ai fini di spaccio. Secondo gli investigatori, il settantenne era particolarmente attivo nello smercio tra i clienti del centro di Mestre, «con buoni volumi di passaggio e zona di smercio in tutto il quartiere Piave».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

  • Cronaca

    Morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

  • Incidenti stradali

    Grave incidente tra mezzi pesanti in A4: un morto

  • Cronaca

    Un grande parcheggio scambiatore nell'area X-site a Jesolo

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

  • social

    Il gobbo di Rialto e la storia dell'ultimo bacio dei fustigati

  • Ristrutturare

    Bonus mobili 2021: come funziona e come ottenerlo

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento