menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Dentro e fuori" per droga, torna a spacciare: 100 grammi di coca, ancora in manette

Il pusher è stato arrestato giovedì, trovato anche in possesso di 1100 euro. La polizia ha fermato anche un altro spacciatore, sorpreso con un altro etto di stupefacente in casa

Era appena uscito con fare circospetto dalla propria abitazione di Mestre, in una laterale di via Miranese. Il suo atteggiamento ha subito messo in allerta gli agenti della Sezione antidroga della Squadra mobile, che proprio in quel momento erano impegnati in un servizio di ricognizione nel territorio. H.J., 50enne cittadino di nazionalità albanese, irregolare sul territorio nazionale, era ben noto alle forze dell’ordine, che continuavano a controllarlo a vista anche dopo il suo rilascio: il mese precedente, infatti, era stato arrestato per detenzione di sostanza stupefacente a fini di spaccio. Ricascandoci poche settimane dopo.

Come si suol dire, il lupo perde il pelo ma non il vizio. Gli agenti hanno infatti fermato e perquisito l’uomo, un controllo che ha permesso di trovare, all’interno della tasca del giubbotto, una confezione di cellophane trasparente, contenente 111 grammi di cocaina. Allo spacciatore, oltre allo stupefacente, sono stati requisiti anche 1100 euro in contanti, suddivisi in vario taglio (con ogni probabilità i profitti dello spaccio) e un telefono cellulare. Inevitabili, a quel punto, sono scattate le manette.

Nel corso degli stessi servizi di prevenzione, un altro gruppo di investigatori della squadra mobile ha arrestato un altro cittadino albanese, il 37enne H.A., per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. L’uomo, fermato a bordo della propria automobile per un controllo, sin dal principio aveva cominciato a palesare segni di insofferenza e nervosismo, segnale che non ha lasciato indifferente gli agenti, che hanno quindi deciso di proseguire con una perquisizione personale.

All’interno della tasca dei pantaloni, il 37enne nascondeva un pacchetto di sigarette, nel quale erano contenuti circa 4 grammi di cocaina, avvolti in due involucri di cellophane trasparente. Fiutando la situazione, gli investigatori hanno deciso di continuare la perquisizione anche nel domicilio dell’uomo, dove hanno rinvenuto altra “coca”, per un peso complessivo di 111,6 grammi lordi. Dopo gli accertamenti di rito, è stato quindi condotto al carcere di Venezia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento