menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ricercato in Europa per furti negli aeroporti, trovato e fermato in Corso del Popolo

La polizia di Stato ha individuato il 34enne in questione mercoledì mattina in un hotel. Era ricercato in esecuzione di una misura di custodia cautelare emessa dall’Autorità Giudiziaria tedesca

Un cittadino svedese di origine kosovara è stato fermato dalla polizia di Stato, in un hotel a Mestre, mercoledì alle 4 del mattino, in esecuzione di mandato d’arresto europeo. Il trentaquattrenne, dedito a furti e borseggi negli aeroporti europei, è stato portato in carcere, al Santa Maria Maggiore di Venezia, a disposizione della Corte d’Appello che deciderà per l’estradizione.

Identificazione

Le volanti della Questura sono arrivate all'alba nell'hotel di Corso del Popolo per segnalazione pervenuta dal sistema Allert Alloggiati. Ospite della struttura, infatti, un uomo destinatario di mandato d’arresto europeo. Giunti sul posto, con le cautele del caso, gli operatori si sono recati nella stanza che egli occupava con un'altra persona (un altro kosovaro risultato da accertamenti successivi senza precedenti), al fine di rintracciarlo e procedere alla sua compiuta identificazione.

Furti sui bagagli dei passeggeri

Portato in Questura, per accertamenti in merito all’identità e all’effettività del provvedimento di arresto europeo, lo stesso è risultato titolare di passaporto svedese e ricercato in esecuzione di una misura di custodia cautelare emessa dall’Autorità Giudiziaria tedesca, tribunale di Tiergarten (Germania), lo scorso aprile, in quanto si sarebbe responsabile di un furto commesso in un aeroporto tedesco. Da una approfondita analisi è risultato che il 34enne avrebbe compiuto svariati furti negli scali aeroportuali europei. In particolare il cittadino era destinatario di tre rintracci per identificazione emessi dall'Ufficio Frontiera aerea Malpensa, in data 12.12.2017, Ufficio frontiera aerea Bologna, emesso in data 24.05.2017, Ufficio frontiera aerea Linate, emesso il 16.10.2017, al fine di redigere a suo carico 3 verbali di nomina del difensore ed elezione di domicilio, in quanto responsabile dei reati di furto aggravato in concorso su bagagli dei passeggeri in transito. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento