rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Mestre

Estorsione, ricettazione e spaccio di stupefacenti: ai domiciliari appena 19enne

La misura è stata emessa dal gip del Tribunale di Venezia dopo che alla vigilia della scorsa festività dell’Immacolata il giovane era stato denunciato per il furto di una bicicletta

A maggior età appena raggiunta, è finito ai domiciliari M.N.,19enne di Mestre, arrestato sabato dai carabinieri in esecuzione di una misura cautelare, per il reato di estorsione, ricettazione e spaccio di stupefacenti. 

Social

La misura è stata emessa dal gip del Tribunale di Venezia, sulla base delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica lagunare, e svolte dai carabinieri della Stazione di Mestre. Alla vigilia della scorsa festività dell’Immacolata il giovane era stato denunciato insieme a due complici per le gravi accuse mosse da un coetaneo, vittima di estorsione, secondo la tecnica criminale nota come “Cavallo di ritorno”, cioè con la richiesta del pagamento di una somma di denaro per ottenere la restituzione della bicicletta rubata, anche attraverso i social network e whatsapp.

Marijuana

Allora, all’incontro per lo scambio, erano presenti anche i carabinieri che hanno bloccato i ragazzi con “le mani nel sacco”, subito dopo aver ritirato i cento euro richiesti. Ne era scaturita una perquisizione a seguito della quale l'Arma aveva trovato, oltre ai soldi appena ritirati e che erano stati preventivamente fotocopiati, oltre 20 grammi di marijuana e 165 euro addosso al giovane 19enne in questione, ritenuti provento dell’attività di spaccio, e che hanno fatto scattare anche la denuncia per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Spaccio

Dopo quell’episodio i carabinieri hanno fatto ulteriori indagini che, oltre a cristallizzare le responsabilità in ordine ai fatti accertati lo scorso 8 dicembre nella flagranza del reato, hanno raccolto, a carico del giovane, ulteriori gravi indizi di colpevolezza, per la gestione di un’attività di spaccio di marijuana con decine di cessioni accertate, che avvenivano per lo più nei parchi pubblici di Mestre, nei confronti di coetanei e minorenni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Estorsione, ricettazione e spaccio di stupefacenti: ai domiciliari appena 19enne

VeneziaToday è in caricamento