menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anziani minacciati, poliziotto ferito e ladro "incastrato": 2 arresti, 1 denuncia

Notte di lavoro per le volanti della polizia tra martedì e mercoledì a Mestre. Tra via Pepe, piazza XXVII Ottobre, la Bissuola e via Tagliamento topi d'appartamento e ubriachi

E' stata una notte di lavoro per gli agenti delle volanti di Venezia quella tra martedì e mercoledì. Il bilancio parla di 2 persone arrestate e di un'altra denunciata. Verso le 5 di mattina in zona parco Albanese sono scattate le manette nei confronti di un 50enne veneziano colpevole di aver minacciato per l'ennesima volta gli anziani genitori. Stavolta con un coltello (DETTAGLI). Poco prima invece, verso le 4, i poliziotti hanno notato in via Tagliamento un uomo che si comportava in maniera sospetta. Si aggirava nei dintorni dell'ingresso di uno dei palazzoni della zona. Fermato, il 40enne georgiano, senza fissa dimora, con ogni probabilità si stava apprestando a mettere a segno qualche colpo: in tasca infatti aveva 3 tessere plastificate utili a mettere ko le serrature, un coltellino multiuso, una brugola e una torcia di piccole dimensioni. Per il 40enne inevitabile una denuncia per detenzione illegale di armi e di materiale atto allo scasso.  

Verso le 2.30, in via Pepe a Mestre, i poliziotti sono invece intervenuti per bloccare un cittadino tunisino di 32 anni, ubriaco e pluripregiudicato. Voleva a tutti costi entrare nella sala bingo della zona nonostante fosse orario di chiusura. L’uomo è stato quindi allontanato ma, circa mezz’ora dopo, ha incrociato lo stesso equipaggio nei pressi di piazza XXVII Ottobre. Alla vista degli agenti, il 32enne ha iniziato a proferire parole irripetibili nei confronti degli uomini in divisa lanciando loro addosso alcuni oggetti, tra cui il portafogli. 

Il tentativo di riportare l’uomo alla ragione non ha sortito alcun risultato al punto che lo stesso, colto da raptus improvviso, si sarebbe scagliato contro uno dei poliziotti facendolo cadere a terra e procurandogli lesioni guaribili in alcuni giorni. Dopodichè avrebbe iniziato a compiere atti autolesionistici tanto da costringere gli agenti ad ammanettarlo. L'uomo alla fine è stato arrestato per resistenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento