menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A piedi, in bici e in borghese: carabinieri arrestano pusher con 12 grammi di eroina

Cambio di strategia per i militari dell'Arma di Mestre, che hanno controllato una trentina di persone nel quartiere Piave. Uno in manette, 8 le persone denunciate all'autorità giudiziaria

Venti uomini in borghese a piedi ed in bicicletta. Cambio di strategia nei controlli dei carabinieri di Mestre nel quartiere Piave, finalizzati al contrasto dello spaccio di stupefacenti e dei reati legati alla microcriminalità. L'operazione è andata in scena martedì pomeriggio, la zona setacciata quella tra via Piave e Corso del Popolo, comprese via Cappuccina, via Dante, via Aleardi e via Rampa Cavalcavia.

Nel corso del controllo sono stati identificate e perquisite circa 30 persone, la maggior parte delle quali con precedenti per spaccio e reati contro il patrimonio. I risultati della nuova strategia non sono mancati: 1 arresto e 8 denunce a piede libero per detenzione ai fini di spaccio e possesso ingiustificato di coltelli. Nonché decine di segnalazioni alla Prefettura per uso personale di stupefacenti.

Nella rete è caduto anche G.A., 31enne tunisino, bloccato mentre si aggirava in via Fiume da una squadra in borghese. L’uomo, che non si aspettava il controllo, quando ha realizzato che le due persone che lo avevano circondato non erano semplici passanti ma carabinieri, ha subito mostrato segni di nervosismo. Perquisito in strada, è stato trovato in possesso di un involucro con circa 12 grammi di eroina, che hanno fatto scattare subito le manette.

Numerose le denunce. A.D., 27enne tunisino, è stato fermato nella zona di via rampa Cavalcavia con qualche grammo di marijuana e con 1.070 euro in tasca, dei quali non è riuscito a giustificare la provenienza. Lo stupefacente e il danaro gli sono stati sequestrati perché ritenuti provento dell’attività illecita. Un suo connazionale, B.B.M. di 28 anni, è stato invece bloccato dai militari in via Aleardi, con alcune dosi di "maria" che gli sono state sequestrate. Altri due i tunisini fermati: E.W., 19enne, che dopo aver fornito false generalità è stato portato in caserma dove ne veniva riscontrata la posizione irregolare sul territorio nazionale e il 23enne K.M., fuggito nella zona del sottopasso e fermato con 4,32 grammi di eroina e 0,47 di cocaina.

Gli italiani. M.M., 36enne, è stato trovato in via Rampa Cavalcavia in possesso di un coltello a serramanico con lama di 18 centimetri, mentre D.P., 45enne, a seguito di perquisizione domiciliare, è stato sorpreso con circa 20 grammi di hashish. Si trovava a bordo della propria automobile, invece, il 21enne V.G., intercettato per un normale controllo. Ma all'interno dell'abitacolo è stato trovato in posseso di un involucro contenente 21 grammi di hashish, della quale aveva cercato di sbarazzarsi velocemente, ma in modo goffo, alla vista dei militari dell'Arma.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento