menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto: asilo nido Pollicino di Mestre

Foto: asilo nido Pollicino di Mestre

Nuova vita per l'asilo nido Pollicino: conclusi i lavori di ampliamento

Onisto: «Un intervento compiuto utilizzando una stanza libera della vicina scuola primaria Arnaldo Fusinato. Ricavato anche il dormitorio e nuovi servizi igienici»

Riaperto più grande e più attrezzato l'asilo nido Pollicino in via Penello a Mestre. L'inaugurazione al termine dello svolgimento dei lavori è stata fatta lunedì, alla presenza dell'assessore ai Lavori Pubblici, Francesca Zaccariotto, all'assessore alle Politiche educative, Paolo Romor, alla vicepresidente della commissione consiliare Cultura Deborah Onisto e alla vicepresidente della Municipalità di Mestre Carpenedo Edda Costacurta. Gli spazi della struttura, insufficienti ad ospitare i 30 bambini che la frequentano, sono stati ampliati utilizzando una stanza libera della vicina scuola primaria “Arnaldo Fusinato”. Nella nuova aula, di circa 30 metri quadrati, è stato possibile ricavare, oltre che al dormitorio, anche nuovi servizi igienici.

Ampliamento e benessere

«Un intervento atteso da vari anni – ha ricordato Costacurta - visto che le prime richieste di adeguamento degli spazi del 'Pollicino' risalgono al 2012, quando la Municipalità di Mestre aveva presentato una mozione chiedendone l'ampliamento. Oggi - ha aggiunto Onisto - abbiamo coronato un sogno riuscendo a ottenere questo piccolo ampliamento per il benessere dei bambini, che prima erano costretti a mangiare e dormire nella stessa stanza».

Priorità

«Questa amministrazione - ha aggiunto l'assessore Romor ringraziando genitori e insegnanti per la pazienza dimostrata in questi anni - è particolarmente attenta alle esigenze legate alla scuola, ai bambini, ai giovani. Abbiamo dovuto prima dare la priorità agli interventi più urgenti e necessari, motivo per il quale questo ampliamento non è stato realizzato prima. Solo dall'estate del 2018, una volte risolte le emergenze prioritarie, abbiamo potuto iniziare a investire sul miglioramento degli edifici scolastici e continueremo a farlo anche nei prossimi anni».

Sinergia

«È stato un lavoro di sinergia - ha evidenziato Zaccariotto - che serve a rendere più funzionale una struttura nella sua organizzazione degli spazi e del lavoro. Oggi ci sentiamo sereni per quanto riguarda gli interventi di messa in sicurezza delle strutture scolastiche e possiamo permetterci di lavorare per un maggior decoro delle 160 scuole che il Comune gestisce in centro storico e in terraferma, perché siano davvero luoghi di accoglienza, di cura e attenzione verso bambini e ragazzi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento